ultimora
Public Policy

La situazione in Bnl

L’ombra dell’inciucio

Gli azionisti litigano e intanto i conti non tornano

di Lucio Fava del Piano - 27 maggio 2005

Incerta, incertissima, all’ultimo voto; praticamente un inciucio.

Parliamo dell’assemblea degli azionisti della Banca Nazionale del Lavoro, tenutasi a Roma, in seconda convocazione, sabato 21 maggio. Un evento che non può non lasciare scettico un occhio appena un po’ smaliziato, se solo si mettono a confronto le bellicose dichiarazioni della vigilia e l’esito della contesa. L’appuntamento era stato presentato come “la madre di tutte le assemblee”, la sfida finale che avrebbe visto contrapposti per il controllo della banca il patto di sindacato Bbva-Generali-Della Valle e il contropatto degli “immobiliaristi”, capitanati da Francesco Gaetano Caltagirone.

Fino alla mattina del 21 maggio, le premesse per una sfida serrata sembravano esserci tutte: “Bnl, gli schieramenti alla conta”, titolava Il Sole 24 Ore, mentre Repubblica preannunciava “Bbva e contropatto all’ultimo voto”.

Poi, iniziati i lavori dell’assemblea, ciascuno sulle sue posizioni: Abete e il dg Girotti a difendere l’attività del management uscente, Tasco, presidente del contropatto, a contestare le scelte strategiche degli ultimi anni e a sottolineare i conti in rosso. Interventi lunghissimi, scaramucce legali e qualche colpo di scena. Ma non nel risultato finale, con il bilancio che è stato approvato con l’astensione dei contropattisti e il nuovo cda che è andato a disegnarsi esattamente su quell’8-6-1 di cui si mormorava all’immediata vigilia. Cda che ha poi confermato, nella sua prima riunione di martedì 24, Luigi Abete alla presidenza.

Sorge allora qualche dubbio su quali siano le reali intenzioni degli immobiliaristi: cercavano davvero di prendere il controllo della Bnl? Cercavano di mettere i bastoni tra le ruote agli spagnoli e alla loro Ops, magari su “suggerimento” di qualche paladino dell’italianità delle banche? O sono semplicemente “imprenditori interessati – parole di Stefano Ricucci – a creare valore per la propri azienda”?

Se questa è la strada, resta da capire perché puntare proprio su Bnl. Quella guidata da Abete, infatti, al di là dei forti rialzi fatti segnare in borsa negli ultimi mesi, con un +25% nel corso del 2004 (anche grazie alle pressioni innescate dagli immobiliaristi), è una banca che non crea ricchezza. È una banca che da quattro anni non distribuisce un centesimo di dividendi, e che anche nell’esercizio 2004 ha chiuso il conto economico in perdita, con un rosso di oltre 34 milioni.

Certo, il risultato è in miglioramento rispetto alle perdite del 2003, e la situazione dei crediti è qualitativamente molto migliorata, con la copertura dei crediti dubbi che ora supera il 50% (rispetto al 34 del 1998), i crediti dubbi netti scesi al 4,9% degli impieghi alla clientela (la metà del ’98) e il totale dei crediti dubbi che è ora il 52,1% del patrimonio netto (alla privatizzazione era il 177,9).

Ma è altrettanto vero che il rosso di bilancio è quello che abbiamo detto. E a quel dato, vanno aggiunte alte cifre significative: gli impieghi sono diminuiti di quasi il 6% (da oltre 75 a meno di 71 miliardi di euro), la raccolta diretta è scesa del 2,6%, il margine di intermediazione ha subito una flessione del 5,4 (da 3 miliardi, a 2.900 milioni d euro).

Insomma, molte delle attività più tipiche e più caratterizzanti dell’attività di una banca presentano il segno meno e danno la chiara impressione di un istituto che non riesce a creare valore.

Motivi sufficienti per vedere qualche zona d’ombra intorno alle manovre che riguardano Bnl.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario