ultimora
Public Policy

L’ennesimo sciopero Alitalia

L’Italia a terra

Abbiamo sindacati irresponsabili che difendono interessi particolari. In un Paese fermo

di Davide Giacalone - 22 maggio 2007

Oggi l’Italia si ferma, dopo le dieci e prima di sera non decollano più gli aerei, sommandosi lo sciopero dei dipendenti Alitalia a quello di uno dei sindacati dei controllori di volo. Oggi non si vola, con quattrocento voli cancellati, ma anche nei giorni scorsi molti sono stati vittime di soppressioni per agitazioni varie. Decine di migliaia di persone che lavorano scontano e sconteranno il danno provocato dagli scioperi. E di questo vale la pena parlare, del diritto di sciopero, riconosciuto anche dalla Costituzione.

Nessuno dei danneggiati sa perché quei lavoratori scioperano, così come nulla sappiamo quando restiamo bloccati nel traffico per un corteo. Sì, vabbe’, per i soldi ed il contratto. Vale per tutti. Me della vertenza specifica non ne sappiamo e non ce ne frega niente. Ne siamo solo vittime. E non è colpa nostra, ma dei sindacati. Prendiamo i controllori di volo: perché scioperano non lo so, e se cerco sui giornali non lo scopro; non li conosco e non li vedo; so che sciopera un sindacato autonomo, ma non so perché gli altri sindacati sono di parere diverso e non ho voglia di perdere tempo per scandagliare le loro idee confuse. Hanno ragione? Forse, chissà, ma per la loro sconosciuta causa l’Italia tutta perde quattrini, quindi temo che se hanno ragione ce la stanno mettendo tutta per darsi torto. Negli Stati Uniti la stessa categoria provò a ricattare il presidente Reagan, che li sostituì con i militari. L’interesse prevalente è quello della collettività. E gli assistenti di volo Alitalia? Chiedono il rispetto “scrupoloso” del contratto. Sentite, l’Alitalia è fallita, è stata salvata più volte con i soldi dei cittadini, sta per essere venduta. Se un contratto non è rispettato ci si rivolge alla magistratura, non si lascia a terra l’Italia. Se si fa la seconda cosa si è degli irresponsabili.

Diranno i sindacati: è colpa della dirigenza. Temo sia colpa di tutti assieme,ed i sindacati sono stati parte della dirigenza. A forza di privilegi ed egoismi si è scassata la compagnia di bandiera, con il sovrappiù delle scelte politiche demenziali, tipo Malpensa. E ciascuno pensa di potere continuare, incurante dei disastri che va seminando. Il diritto garantito costituzionale si riferiva alle vertenze contro il “padrone”, ma qui si colpisce il cittadino.

Pubblicato su Libero di martedì 22

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario