ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • L’Italia è un malato terminale

Aspettando una riforma della giustizia

L’Italia è un malato terminale

La pax mastelliana è una balla. Resteremo bersaglio preferito delle Corti comunitarie

di Davide Giacalone - 09 marzo 2007

La giustizia italiana resta malata terminale, la cura Mastella, il disegno di legge sull’ordinamento giudiziario, semplicemente non esiste. Quando di questa materia s’occupò Castelli, ministro del centro destra, criticai quel che mi sembrava troppo poco. Alla sinistra invece sembra troppo, e propone qualche passo indietro. Nella legge Castelli non c’era la separazione delle carriere fra accusatori e giudici, com’è in ogni parte del mondo civile e com’è indispensabile per il modello accusatorio, ma c’erano alcuni paletti destinati a distinguere le funzioni e scoraggiare i traslochi. Mastella li rimuove. Dice: “abbiamo deposto l’ascia di guerra nei confronti dei giudici”. Già, perché la guerra, reale o presunta, si svolgeva non sul funzionamento della giustizia, ma sul come si fa carriera.

Ora, per esempio, i magistrati saranno valutati ogni quattro anni. Un idraulico, un salumiere, un ingegnere od un avvocato, vengono tutti valutati, dai clienti, quotidianamente. I magistrati al massimo sette volte nel corso dell’intera vita. E chi non passa? Niente paura, si ripresenta dopo altri quattro anni (e fanno otto), nel frattempo continua a fare il magistrato ed a maturare l’anzianità. Si può arrivare ai vertici superando un test ogni otto anni. Se sei pubblico ministero e continui ad accusare gente che risulta innocente, o se sei giudicante e continui a scrivere sentenze poi sistematicamente riformate perché sbagliate, non conta. Hanno seppellito l’ascia? L’hanno piantata nel cuore della giustizia. Questa roba dovrebbe essere approvata in cinque mesi, ed essere il primo stadio di una riforma complessiva del processo penale e civile.

Fra cinque mesi sarà già un miracolo (per loro) se quei ministri saranno ancora al loro posto e le riforme non si faranno mai perché il capitolo “carriere e corporazione” assorbirà tutte le energie. Ciò significa che anche questa legislatura, appena iniziata, si candida ad essere inutile ed a non produrre risultati che assicurino ai cittadini diritto e diritti. L’Italia continuerà ad essere il Paese più condannato dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, e c’è solo da sperare che il Consiglio d’Europa si decida a prenderci a calci nel sedere, in modo da sconquassare il putridume stagnante e costringerci a fare i conti con la realtà.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario