ultimora
Public Policy

Il referendum è morto per abuso di democrazia

L’infausto referto clinico

Strumento nelle mani del popolo? No. È stato utilizzato come arma di propaganda in mano ai politici

di Davide Giacalone - 22 giugno 2009

L’istituto del referendum è moribondo. Sfiancato dall’uso improprio, debilitato dalla manipolazione e da quella che doveva essere una garanzia ed è divenuta una trappola: la quota minima dei votanti, il quorum. Lunedì pomeriggio, temo, il referto clinico sarà infausto. Già sappiamo, del resto, che i contenuti della consultazione sono stati cancellati non solo dalle forze politiche, ma anche dai giornali, troppo occupati a disputare di cose che definire politiche è un filino deprimente.

La stagione d’oro fu quella del divorzio e dell’aborto. Appuntamenti sui quali si sono raccontate tante di quelle corbellerie da confondere le idee a molti: non furono convocati da chi li voleva, ma di chi li avversava.

Il Parlamento si era spinto avanti, ma restava il dubbio che il Paese fosse, nel suo profondo, contrario. Si verificò, e fu fatto positivo, che le cose stavano diversamente. Il timer dell’agonia partì con consultazioni di grande successo, ma che consideravo e considero sostanzialmente illegittime: quelle sui sistemi elettorali. Il tema era costituzionalmente equivoco e la tecnica non era abrogativa, ma manipolativa. Non si chiedeva l’abrogazione di una legge, ma il suo sfregio, talché cambiasse significato. Anche questa volta, è così che stanno le cose.

Non paghi di ciò, anziché essere strumento nelle mani del popolo lo si è utilizzato come arma di propaganda in mano ai politici. Quando, all’inizio della raccolta delle firme, si fotografano l’onorevole Tizio ed il senatore Caio che autografano i moduli si trasmette lo spettacolo della devianza: quei signori sono titolati a chiedere la modifica delle leggi, spesso siedono sui banchi della maggioranza parlamentare, agiscano, insomma, anziché sfilare ed esibirsi.

Nel caso odierno, poi, siamo alla farsa, con politici che prima firmano e poi ci ripensano. La coerenza è una sconosciuta. L’unico pregio di questa tornata consisteva nel sollecitare il Parlamento alla riforma, ma hanno fatto spallucce. Dopo la convocazione delle urne gli avversari dell’abrogazione non puntano ad una vittoria leale, ma allo sgambetto dell’astensione. E’ già successo, è l’esito più probabile, ma è anche l’arma che uccide la democrazia diretta. Io, che ai referendum elettorali sono sempre stato contrario, sarò fra i pochi a portare il lutto.

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario