ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • L’incerto futuro politico dell’Ue

Probabile l’accantonamento della Costituzione

L’incerto futuro politico dell’Ue

Se non si riapre la discussione sul processo unitario, a rischio anche l’euro

di Andrea Marini - 15 giugno 2005

Con ogni probabilità al prossimo Consiglio dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea, domani e dopodomani a Bruxelles, si stabilirà di rimandare ai prossimi mesi la discussione sul Trattato costituzionale. Per evitare polemiche e scontri sul “no” franco-olandese, la decisione se confermare o bloccare i referendum previsti negli altri Paesi potrebbe essere posticipata al semestre inglese.

Male: l’unione monetaria per sopravvivere necessita dell’unione politica. Già c’è chi sembra aver iniziato a scommettere su un fallimento della moneta comune (l’euro è scivolato a quota 1,20 contro il dollaro e il mercato obbligazionario ha cominciato a differenziarsi tra i Paesi con maggiore e quelli con minore credibilità): rimandare la questione di come poter giungere agli Stati Uniti d’Europa dopo il quasi certo fallimento del Trattato costituzionale è solo una perdita di tempo.

Proviamo a fare qualche ipotesi sugli scenari futuri. Se – come abbiamo detto – l’unione monetaria non può durare a lungo senza l’unità politica, la via che porta ad essa dovrebbe riprendere proprio dai 12 Paesi dell’eurozona. L’area dell’euro ha già il vantaggio di avere delle istituzioni funzionanti (la Banca centrale europea e l’eurogruppo dei ministri dell’Economia); ha un interesse politico semplice: avere economicamente successo sotto la valuta comune; è di gran lunga il nucleo più compatto immaginabile, aperto a ogni altro membro dell’Ue.

Come avviene nei grandi Stati federali dove l’unione monetaria coincide con quella politica (Stati Uniti, Canada e Australia), a livello macroeconomico si dovrebbe procedere a creare dei meccanismi centralizzati di assicurazione contro la disoccupazione, per spostare risorse dalle aree in crescita verso quelle depresse in caso di shock asimmetrici; a creare una politica fiscale comune, con una tassazione in prospettiva uguale in ogni Paese.

A livello microeconomico si dovrebbe poi elaborare una strategia di riforme per facilitare la mobilità del lavoro attraverso i confini degli Stati dell’eurozona; introdurre un sistema comunitario di controlli sul credito e di regole per la vendita e l’affitto delle proprietà.

Non è fondamentale che proprio questo sia il percorso attraverso cui riprenderà l’unione politica dell’Europa. L’importante, però, è che la discussione riprenda. Più si perde tempo, più aumenteranno i problemi: a essere sacrificata sull’altare potrebbe finire la moneta unica.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario