ultimora
Public Policy

Il popolo dei lavoratori fannulloni

L’impiegato fantozziano

Inutile arrestare gli assenteisti. I veri colpevoli sono i dirigenti

di Davide Giacalone - 19 luglio 2007

Che li arrestano a fare gli assenteisti di Perugia, o d’ogni altro luogo? Le prove, a quel che dicono gli inquirenti, sono filmate e non inquinabili. La fuga all’estero, data la stagione, forse è una vacanza. La reiterazione del reato, ovvero il far timbrare ad altri il proprio cartellino, è una matematica certezza, ma è difficile considerare socialmente pericoloso quel che è socialmente diffuso. Quegli arresti, insomma, alimentano solo lo spettacolo. Ci sono, sembra, tutte le condizioni per processare subito ed immediatamente condannare gli imbroglioni in camice bianco o verde. Si proceda, non penso nessuno di loro finirà in carcere a scontare la pena, ma almeno si tenti di licenziarli. Le manette non solo non risolvono, ma forse aiutano a nascondere il problema della pubblica amministrazione, ospedali compresi.

Il nodo non è solo quello degli assenteisti, ma riguarda anche i tanti che sul posto rimangono senza per questo lavorare, quelli che affollano il bar o la stanza del collega, quelli che occupano il tempo facendo la spesa in quei supermercati interni che una volta erano spacci ed ora sono divenuti la fiera del carrello durante le ore d’ufficio. Se si arriva ad un’inchiesta penale, con relative telecamere nascoste, per accertare il reato di truffa ed inchiodare chi si fa pagare standosene altrove, vuol dire che hanno già fatto cilecca tutti i sistemi destinati a controllare la produttività. Ammesso che esistano. Se i dirigenti facessero carriera per merito e non per anzianità, raccomandazione o nomina politica, il marcio sarebbe già venuto fuori, perché la truffa crea inefficienza e costi. Se i dipendenti fossero assunti per bisogno e non per sistemare amici e parenti, la loro assenza si rifletterebbe in un intollerabile disagio, ed il dirigente interverrebbe per capire cosa sta succedendo. Le telecamere, dunque, arrivano perché sono puntate sul regno dell’inutilità e dello spreco, per sua natura non misurabile con gli indici di produttività. Tutto questo è la dannazione del cittadino che ha bisogno della struttura pubblica, ed è un’orrenda beffa per i molti che ci lavorano veramente, seriamente e con coscienza. Gli uni e gli altri non si lascino distrarre dalle manette, il botto di una giornata, perché si dovrebbe denunciare chi quelle baracche le dirige.

Pubblicato su Libero di giovedì 19 luglio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario