ultimora
Public Policy

Giustizia: una riforma urgente e doverosa

L’ennesimo e inutile rinvio

Aumentare i poteri dello Stato nella fase delle indagini non serve. Va riformato l’intero assetto giudiziario

di Davide Giacalone - 12 gennaio 2009

La riforma della giustizia ha subito un rinvio. Poco male, perché quando si è in ritardo di lustri non si contano le settimane. Mi preoccupa, però, quel che sento dire a proposito di pubblici ministeri e polizia giudiziaria. Oggi la seconda dipende dai primi, mentre pare ci sia un accordo per renderla più autonoma, come lo era, del resto, nel codice Rocco. Era un gran bel codice, solido e coerente, varato nel 1930 e per questo a lungo (ed in gran parte ingiustamente) definito “fascista”. Tornare a quell’assetto, oggi, sarebbe un disastro.

L’accordo, a spanne, sarebbe questo: la polizia giudiziaria (ovvero tutte le forze dell’ordine che agiscono per attivare o reggere l’azione penale) opera su mandato della procura, ma anche per proprio conto, e dopo avere consegnato i risultati di un’indagine al pubblico ministero può anche continuare per proprio conto, approfondendo filoni che ritiene trascurati. Il risultato sarebbe pessimo, perché la giustizia vera, quella dei tribunali, quella dei giudici, continuerebbe a funzionare con tempi incivili, ma si moltiplicherebbero i soggetti che possono utilizzare il cittadino come cavia. E’ vero che lo spettacolo dello scontro fra le procure di Salerno e Catanzaro è stato raccapricciante, ma non gioverebbe se alla rissa partecipassero anche i carabinieri.

La riforma è urgente e doverosa, più di un “dialogo” che assomiglia ad un modo per perdere tempo. Ma la direzione di marcia deve essere opposta: primo, giudici terzi ed efficienti, che tutelino tempestivamente i diritti dei cittadini (il tribunale della libertà, così come i giudici dell’indagine preliminare, hanno fallito la missione); secondo, tempi certi per indagini, rinvii a giudizio e sentenze; terzo, certezza della pena.

Se, invece, si continuano ad aumentare i poteri dello Stato nella fase delle indagini, non si fa che ampliare l’attuale abominio, per cui la pena consiste nella misura cautelare, l’avviso di garanzia funge da condanna, ed esauriti gli iniziali fuochi d’artificio tutto s’impantana in un binario dove muore tanto il diritto quanto l’innocente, mentre il colpevole festeggia.

In altre parole: la riforma sarà l’ennesimo fiasco se si continuerà a credere che la giustizia serva a magistrati, cancellieri e questurini, mentre deve essere al servizio dei cittadini.

Pubblicato su Libero di lunedì 12 gennaio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario