ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Italia terra di conquista, non solo straniera

Settimana calda

Italia terra di conquista, non solo straniera

Processi come quello del Gruppo PSC, possono rilanciare il capitalismo italiano e renderlo competitivo

di Enrico Cisnetto - 17 maggio 2013

Il rischio-paese è alto, ma l’Italia agli occhi del mondo appare sempre più come una terra di conquista. Le imprese, schiacciate tra la crisi e la demotivazione degli imprenditori, sono sul mercato. E molti pensano di poter fare affari comprando cose buone a quattro soldi. Si dice siano sostanzialmente tre le tipologie dei potenziali acquirenti: i grandi gruppi asiatici (giapponesi, corani, singaporeani), che comprano quote sia di maggioranza che di minoranza di aziende grandi; i cinesi, che prima comprano la produzione e poi diventati clienti decisivi se non unici prendono le aziende (anche medie e medio-piccole) e le portano in Cina; i fondi anglo-americani, che investono nel modo classico del private equity. È un bene (arrivano capitali stranieri) o un male (ci portano via le nostre capacità produttive)? Diciamo, pragmaticamente, che così è, e che l’unica inutile da fare è recriminare.

A questo fenomeno si può reagire in due soli modi: o assecondarlo, creando strumenti adatti a far coincidere domanda e offerta, o combatterlo sul suo stesso terreno, creando in Italia tra italiani le condizioni di integrazione fra aziende e di capitalizzazione che il denaro estero, sia esso finanziario che industriale, è in gradi di produrre. Parlo naturalmente dei fondi italiani – sia quelli privati che i pubblici, a cominciare dal Fondo Strategico di Cdp – ma pure degli imprenditori. Almeno di quelli cui è chiaro che nell’ideogramma cinese che identifica la parola “crisi” siano contenuti anche i simboli del concetto di “opportunità”. La crisi, infatti, può rivelarsi il miglior viatico perché il capitalismo italiano possa superare i suoi consolidati colli di bottiglia.

Ho già segnalato in questo spazio qualche esempio. Oggi ne faccio un altro: il gruppo PSC della famiglia Pesce, leader nazionale nell’impiantistica tecnologica delle grandi infrastrutture, ha deciso di rilevare, per il tramite di un previo affitto di ramo d’azienda, la Aertermica, società bresciana dello stesso settore (40 milioni di fatturato, 105 occupati) finita in concordato preventivo, e ha acquisito la maggioranza nella IT Core, società con 35 dipendenti specializzata nelle reti TLC. Con queste due operazioni PSC diventa fornitore globale per reti ed impianti e supera i 100 milioni di fatturato. E, soprattutto, si rafforza in vista di possibili ulteriori acquisizioni (negli ambienti bancari si parla con insistenza di un interessamento verso Sirti) con l’obiettivo di costituire un polo di stazza europea. Cosa che se non fanno i fratelli Pesce, farà qualcuno con altro passaporto.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario