ultimora
Public Policy

La legge sui giudici finita nel dimenticatoio

Irresponsabili per legge

La giustizia? Uno strumento di potere ed empireo dell’inefficienza

di Davide Giacalone - 09 novembre 2007

Esattamente venti anni fa, l’8 ed il 9 novembre 1987, gli italiani stabilirono, con un referendum il cui merito va ai radicali, che i magistrati dovessero essere personalmente e civilmente responsabili per i danni arrecati da loro atti dolosi, colposi, negligenti, omissivi, o frutto d’incapacità. Se il chirurgo m’asporta il rene sbagliato non ha importanza che sostenga di non avercela personalmente con me, di non avere goduto od essersi arricchito. Paga. Era giusto che anche altri, magistrati compresi, non fossero irresponsabili. Ma subito dopo il referendum, il 13 aprile 1988, una maggioranza parlamentare comprendente democristiani, socialisti e comunisti approvò la legge numero 117 e fece una gran pernacchia all’80 per cento degli italiani: a. non si denuncia e non ci si rivale sul magistrato, ma sullo Stato; b. il magistrato è censurabile solo se ha agito con deliberato sadismo, altrimenti ha sempre ragione. Quattro anni dopo democristiani e socialisti, assieme ai laici, furono liquidati da un colpo di mano giudiziario. I comunisti, al contrario, incassarono l’appoggio della magistratura politicizzata.

C’erano state le condizioni per rendere migliore e più seria la giustizia italiana, ma erano state sprecate dagli stessi che ne saranno schiacciati. Gli errori si pagano, e furono pagati. Il fatto è che la politica inginocchiatasi allora non s’è più rialzata, l’intero mondo giudiziario è stato lasciato in mano alle corporazioni ed il risultato è una totale, inescusabile ed intollerabile bancarotta. Un patrimonio di consenso popolare è stato dilapidato, prima sguinzagliando il giustizialismo latrante, poi abbandonando la giustizia al suo infausto destino.

Oggi ci s’accorge che riducendola a strumento di potere ed empireo dell’inefficienza si moltiplica l’insicurezza, ma pur di non mettere le mani laddove si è troppo esposti e ricattabili ci s’acconcia a dar poteri ai prefetti, sperando di sottrarli al loro destino di progressiva inutilità. Divenuti irresponsabili per legge, i magistrati non si sono trovati più liberi ed indipendenti, solo più corporativi ed esibizionisti. Calcano la scena da protagonisti, ma sono solo comparse nel disfacimento dello stato di diritto. In venti anni siamo scivolati indietro, senza neanche un fondo su cui battere il cranio.

Pubblicato su Libero di venerdì 9 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario