ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Iraq, dal Pentagono decisioni drastiche

Nuovi sviluppi in un conflitto senza fine

Iraq, dal Pentagono decisioni drastiche

Le trattative rivelano la stanchezza Usa a continuare a combattere

di Antonio Picasso - 27 giugno 2005

La guerra in Iraq, veramente un brutto affare per Bush. Per questo pare che Washington abbia preso delle decisioni sensazionali. Vale a dire cominciare delle trattative con i terroristi. Perché così non si può andare avanti. La notizia è stata rivelata da Hala Jaber, sul Sunday Times di domenica 27 giugno. È l’ammissione di colpa da parte di una superpotenza che si è impelagata in un ginepraio dal quale non sa come uscire? Non è da escludere. Gli Usa si aspettavano, ingenuamente, di entrare in Iraq, abbattere il regime di Saddam e metter su una democrazia a immagine e somiglianza di quella americana. Così non è stato. Quindi, dopo due anni di scontri, costati al Pentagono più di 1700 vittime, si pensa di mettere tutto a posto con un compromesso. Tuttavia, Ennio Caretto sul Corriere della Sera sottolinea che non si può parlare di veri e propri negoziati. Ma il cambio di rotta è diventato urgente. Non a caso interviene oggi il Primo ministro iracheno, Ibrahim Al-Jaafari, sul Times, ritornando sulla proposta di un piano Marshall per il suo paese. Un progetto di non facile attuazione, ammette Al-Jaafari, però è obbligatorio che l’Occidente si renda conto della drammaticità degli ultimi eventi. La ultime tre generazioni di iracheni sono cresciute sotto una dittatura. Caduta questa, è subentrato un periodo di violenze e terrore sine die. Questo è il prezzo che l’Iraq sta pagando per la sua democrazia. Una lotta che, invece, tutto il mondo dovrebbe fare sua, per la pace e la sicurezza dell’umanità. Ma forse qualcosa si muove. L’Unione europea, infatti, ha pubblicato un rapporto sulle proprie relazioni con l’Iraq, prima e dopo Saddam.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario