ultimora
Public Policy

Nei giorni scorsi le lamentele di Pera e Casini

Intercettazioni e Quirinale

Anche il Capo dello Stato prende coscienza di questa anomalia. Ma il Csm non farà niente

di Davide Giacalone - 03 agosto 2005

Sono anni che la pubblicazione degli atti giudiziari, intendendosi per tali le sole carte destinate a sostenere le tesi dell’accusa, trova la sua naturale collocazione sulle pagine dei giornali. Sono anni che la presunzione d’innocenza, formalmente tutelata dalla Costituzione, è calpestata nel silenzio generale. Sono anni che l’innaturale, illecito e liberticida rapporto fra le procure ed il giornalismo lecchino e velinaro si è consolidato, fino a far pubblico vanto dell’esistenza di pool giornalistici che assistono e seguono pool investigativi. Sono anni che agli accusati non è concesso diritto di difesa, se non nei tempi intollerabilmente lunghi di un processo penale che giunge quando l’omicidio civile è già stato consumato. Sono anni che in Italia si dispongono intercettazioni di tutto e di tutti, con spese altissime che non hanno simili in altri Paesi. E dopo tutti questi anni, in occasione delle intercettazioni telefoniche relative ai bancari ed ai loro amici, coinvolgenti il governatore della Banca d’Italia, il Presidente della Repubblica, ricordandosi d’essere anche Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, ha deciso di porre il problema in quel consesso.

Meglio tardi che mai, si potrebbe dire, sebbene io sia convinto che il gesto di Ciampi sia nobile ma inutile: il Csm, statene certi, avvierà una profonda e pensosa riflessione, che non avrà mai fine e fattiva conclusione.

In quanto a Fazio, ripeto quel che ho già scritto, e che molti ostinatamente vogliono ignorare: le intercettazioni telefoniche si possono anche buttare tutte, ignorandole totalmente, perché queste ci restituiscono l’imbarazzante retrobottega di quel che già era esposto in vetrina: un arbitro che allena, favorisce e tifa.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario