ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Indulto a chi ha ucciso due bambini?

Pene troppo elastiche e assenza del diritto

Indulto a chi ha ucciso due bambini?

Nessuno sconto e nessun beneficio può essere dato a chi è un matto ed un assassino

di Davide Giacalone - 05 ottobre 2006

I problemi della giustizia, che sono enormi, andrebbero discussi senza emotività. Se affronto il tema del “mostro di Foligno”, che ha ammazzato due ragazzini di 4 e 13 anni, cui si applica l’indulto, si diminuiscono tre anni di carcere, è perché qui si concentrano e riassumono guasti profondi, e per certi aspetti terribili. Primo fra tutti l’indulto. Non mi piace speculare sul fatto che il Tizio scarcerato per indulto sia tornato a rubare, giacché la recidiva non è nata con il provvedimento voluto da Mastella e votato da gran parte della maggioranza e dell’opposizione, ma scrivemmo per tempo che l’indulto era inutile masochismo, non affrontava il problema della lentezza dei processi, avrebbe scarcerato i colpevoli e tenuto in galera gli innocenti. Se si voleva mettersi sul terreno della clemenza si doveva pensare ad un’amnistia, capace di aggredire la metastasi processuale.

Ma l’amnistia avrebbe dovuto seguire una riforma della macchina giustizia, cui l’odierna politica non è capace di fare. E torniamo all’assassino che si giova dello sconto. In primo grado era stato condannato a due ergastoli, il che avrebbe escluso scarcerazioni anticipate ed applicazione d’indulti o sconti. In secondo grado, però, i giudici lo condannarono a 22 anni per il primo omicidio ed a 8 per il secondo. Otto anni per avere ammazzato un tredicenne ed averne gettato il corpo in una discarica, per poi scrivere una lettera anonima e promettere di rifarlo. Dato che dall’indulto sono stati esclusi i reati a sfondo sessuale è, con ogni probabilità, proprio su quei ridicoli 8 anni che gli fanno anche lo sconto. La mitezza della pena era giustificata da seminfermità mentale? A me continua a sembrare troppo poco, in ogni caso si stabilisca che nessuno sconto, neanche alcun beneficio può essere dato a chi è matto ed assassino.

E non basta. L’Italia è un Paese in cui le pene hanno un valore indicativo e variabile nel tempo. Siamo anche andati a spiegare agli americani che Silvia Baraldini può essere libera prima della fine della pena, dopo avere promesso il contrario. Ma la certezza della pena è uno dei cardini del diritto. Facilitare il reinserimento è cosa giustissima, ma considerare elastiche le pene è il segno di un Paese in cui il “diritto” è solo un modo di colpire la palla, a tennis.

Davide Giacalone www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario