ultimora
Public Policy

Non si può continuare ad agire allo sbaraglio

Immigrazione: un problema serio

Sembriamo un Paese incapace d’affrontare l’emergenza…

di Davide Giacalone - 07 luglio 2009

Il problema dell’immigrazione è serio, con pesanti risvolti umani e d’ordine pubblico. Si deve stare attenti, pertanto, a non agire da dilettanti allo sbaraglio, com’è accaduto ed accade. Il governo ha proposto ed il Parlamento ha approvato un pacchetto sicurezza che, fra le altre cose, introduce il reato di clandestinità. Qui abbiamo commentato positivamente, pur mettendo in luce i limiti di questo strumento penale.

Il reato, però, ha un senso se è possibile essere in regola, e da noi, invece, il rispetto della legge è acrobatico e beffardo. Non a caso, del resto, uno dei padri della legge sull’immigrazione, Fini, ne chiede la modifica. Legge che, così come la precedente, la Napolitano-Turco, di diverso colore politico, contiene l’assurdo che imprese e famiglie italiane dovrebbero assumere gente che non conoscono, nel mentre ancora risiedono nel loro Paese d’origine.

Carlo Giovanardi, sottosegretario alla famiglia (ma a che serve?), segnala la contraddizione fra l’introduzione del reato e l’avere tollerato il diffondersi di lavoratori clandestini. E, fin qui, avrebbe fatto meglio a dirlo prima. Poi aggiunge: l’attuale non è il governo della Lega.

Significa che non si può cedere a tutto quello che gli uomini di Bossi vogliono. Ma se si lascia intendere che il “rigore” è leghista, ma dissennato, mentre l’“umanità” è cattolica, ma sbracante, allora farebbero meglio, dopo aver commesso un tale errore politico, a tornare a casa. Possibilmente silenti.

Come non basti, forse per dare maggior peso alla pertinenza “familiare”, si parla di badanti, ovvero di lavoratrici irregolari cui si affidano i vecchi. Sembriamo un Paese incapace d’affrontare l’emergenza bava, senza disturbare figli e nipoti, figuriamoci se in grado di far funzionare la produzione.

Così andando si produce un frullato in cui lo spacciatore si mescola al muratore, con la sicurezza che cacceremo il secondo. Il tutto senza alcuna iniziativa che punti non solo a regolare gli accessi, nella misura richiesta da mercato e famiglie, ma che promuova anche la qualità degli immigrati, scegliendo i migliori.

Ho scritto a favore del reato di clandestinità, così come anche delle segnalazioni da parte dei medici. Con altrettanta chiarezza indico l’attuale spettacolo come sintomo d’incoscienza, frammista ad incapacità.

Pubblicato da Libero di martedì 7 luglio 2009

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario