ultimora
Public Policy

Se non ora quando

Immancabile TAV

Senza apertura del cantiere dovremo rinunciare ai fondi europei

di Enrico Cisnetto - 28 giugno 2011

Non c’è solo il solito “partito del no” nella complicata e rischiosa partita che l’Italia si gioca con la Commissione europea sulla Torino-Lione. Se il governo avesse avuto nella vicenda Tav – che dura da ben 21 anni! – la stessa benemerita fermezza che ha mostrato quando il 27 giugno in Val di Susa si è tentato, facendo ricorso alla violenza, di impedire l’apertura del cantiere della Maddalena, oggi non correremmo il rischio di perdere non solo la quota parte italiana dei 672 milioni che Bruxelles ha già stanziato per l’opera ma anche i successivi finanziamenti che si dovrà decidere se assegnare o meno per il periodo 2014-2020. La verità, purtroppo, è che si è andati avanti a suon di tentennamenti, finendo per accumulare un colpevole ritardo che ci è stato inevitabilmente rinfacciato dal commissario ai Trasporti Siim Kallas. Dal quale è arrivato un avvertimento che suona come una condanna del tempo perso: l’apertura del cantiere per il tunnel ferroviario è condizione necessaria ma non sufficiente per assicurarsi i fondi comunitari. Infatti, entro il 30 giugno andavano approvati i progetti preliminari, mentre al massimo ai primi di luglio Italia e Francia dovranno raggiungere una nuova intesa sulla ripartizione degli oneri finanziari legati alla realizzazione dell’opera.

Su questi due obiettivi il ministro Matteoli ha dato confortanti rassicurazioni, ma è pur vero che il Cipe non è stato ancora convocato e che ci sono molti dubbi sulla possibilità che l’accordo italo-francese possa essere firmato in occasione della riunione intergovernativa del 6 luglio, perché i costi sono lievitati e le casse dei due governi sono vuote. E a Bruxelles, nel concedere l’ennesimo rinvio, sono stati netti: “se non ci sarà un chiaro accordo parigi-Roma sull’uso dei fondi, le risorse saranno riallocate in favore di altri progetti”. Se dovesse accadere, si sappia fin d’ora che la colpa non sarà solo dei pur irresponsabili “no Tav”.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario