ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Il tir di Prodi è guidato da Victor?

Parte la campagna per le politiche 2006

Il tir di Prodi è guidato da Victor?

Razionalizzando il percorso, il professore risparmierebbe carburante per 2.000 kilometri

di Antonio Gesualdi - 09 settembre 2005

E' presto detto: Victor era l'autista di Jacques Chirac nel 1992. Durante la campagna elettorale fu trovato un post-it autografo del Presidente dove era scritto: "domandare a Victor di non organizzare il mio giro per le città in ordine alfabetico". Già; Victor aveva organizzato il tour elettorale di Chirac così: Albertville, Andrézieux, Avigon, Bourg-Madame, Brest, Crozant etcetera, etcetera... Jean-Luc Bonnefoy e Michel Vigouroux della Maison de la Géographie dimostrarono come il tour elettorale organizzato da Victor, effettivamente, non reggeva e faceva fare al futuro Presidente migliaia di chilometri in più del necessario. La questione è anche più complessa, ma non è questo il luogo per sviscerarla.

Domanda: è stato Victor ad organizzare anche il tour del Tir di Prodi? Di fatto il Tir, a mio avviso giustamente, ignora quasi tutte le regioni del Centro Italia. Cosa ci andrebbe a fare in Toscana o in Emilia o in Umbria se la stragrande maggioranza dei nostri concittadini di quelle parti da sempre vota a sinistra? Tempo perso. Meglio puntare là dove di sinistra certi nostri concittadini non ne vogliono sapere. Anche se l'itinerario meridionale del Tir prodiano mostra una certa scarsa conoscenza di quel sistema: più che andare a convincere i recalcitranti va a sostenere i sostenitori. E allora perchè non fare qualche fermata anche nel Centro Italia?

Comunque qui ci premeva fare solo una breve osservazione pragmatica sul viaggio del Tir giallo. Se confermato il Tir partito da Roma farà tappa a Verona, poi Ivrea, Bergamo, Trieste, Monopoli, Frosinone, Siracusa, Cosenza, Taranto, Pesaro-Urbino e Napoli.Si tratta, come abbiamo visto, di un itinerario prettamente politico ed quindi è inutile farsi illusioni sulla ottimizzazione o sullo spreco di chilometri e carburanti. Solo il dato totale, però: il percorso del Tir prodiano macinerà oltre 5148 chilometri. Lo stesso percorso, organizzato con l'approdo alle città, a mano a mano, più vicine diventa di poco più di 3168 chilometri. Il risultato sarebbe di quasi 2.000 chilometri e tanto gasolio risparmiati. Con quello che costa, oggi, il gasolio...

E' il costo, alto, ovunque, della politica o a organizzare il Tir giallo è stato Victor?

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario