ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Il tavolo (autoptico) dei volenterosi

Modificare la Finanziaria in modo bipartisan?

Il tavolo (autoptico) dei volenterosi

In altri Paesi il governo presenta la legge e non è emendabile. Prendere o lasciare.

di Davide Giacalone - 12 ottobre 2006

Sul “tavolo dei volenterosi” si va sdraiando l’ignoranza istituzionale e la superficialità politica di molti. L’idea consiste nel verificare se è possibile modificare la legge finanziaria, evidentemente facendo ricorso ad una volontà che sia trasversale ai due schieramenti. Si sono subito opposti il presidente del Consiglio ed esponenti quotati della maggioranza, che ritengono di non dovere trattare con nessuno la loro legge (con nessun parlamentare, perché con tutti gli altri trattano), e si sono opposti anche politici della minoranza parlamentare, convinti che una brutta legge sia la cosa migliore. Gli uni e gli altri giocano a mosca cieca.

Il metodo Capezzone, a ben vedere, altro non è che il dettato costituzionale e la regolamentazione dei lavori parlamentari. Negare che ciascun parlamentare possa liberamente concorrere alla modifica di quale che sia legge, in volenteroso o meno accordo con chi gli pare, significa essere fuori dalla Costituzione. O, più probabilmente, all’oscuro. Il guaio è che sul parlamentarismo costituzionale è stato innestato un bipolarismo privo di forza, la cui traduzione pratica è un duplice ricatto: dei massimalisti, che restano indispensabili per conquistare la maggioranza elettorale; e del governo, che minaccia i parlamentari di cadere trascinandoli. Ciò porta ad una militarizzazione delle appartenenze e ad una faziosità priva di contenuti. E’ il diritto costituzionale e parlamentare a scardinare il bipolarismo taroccato, e l’unico antidoto, a legislazione vigente, è il potere partitocratrico di intruppare i parlamentari mettendone in dubbio la ricandidatura.

Si può cambiare sistema, però, e, paradossalmente, l’accoglienza riservata all’idea di Capezzone mette in luce una potenzialmente vasta maggioranza. In altri Paesi, seriamente maggioritari, il governo presenta la legge finanziaria senza che sia emendabile. Prendere o lasciare. In quel caso vale il principio dell’identità politica nel governo dell’economia. Ma in quei Paesi ci sono leggi elettorali che lasciano le ali estremiste fuori dal Parlamento. Ecco allora una buona missione per il tavolo, che dal reparto autopsia potrebbe essere trasferito in quello maternità: o si rispetta il diritto esistente, ed il Parlamento emenda; oppure si vara un vero e serio maggioritario.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario