ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Il rinnovamento dietro lo sportello

Popolari o Spa?

Il rinnovamento dietro lo sportello

La verità è che va accantonato l’approccio ideologico al tema della governance delle popolari e recuperato un sano pragmatismo.

di Enrico Cisnetto - 26 aprile 2013

Nel giorno in cui sono stati confermati e rafforzati da assemblee tanto partecipate quanto infuocate, Saviotti alla guida del Banco Popolare, Caselli alla Bper e Bedoni alla Cattolica, alla presidenza dell’Ubi è arrivato Andrea Moltrasio, classe 1956, un ragazzo rispetto agli altri suoi colleghi. Ma quella dell’imprenditore bergamasco, già vicepresidente di Confindustria ai tempi di Montezemolo, è una nomina di continuità, non “controcorrente”. Moltrasio, infatti, è stato indicato da una lista espressione della presidenza uscente (Emilio Zanetti) e del vertice della banca guidata da Massiah, e che ha avuto contro due liste, poi in corso di assemblea diventate una, definibili di opposizione.

Domanda: come mai in una stagione del Paese in cui si chiede a gran voce il rinnovamento di ogni ceto dirigente, i banchieri vengono riconfermati e quando decidono di passare la mano per raggiunti limiti di età, come Zanetti all’Ubi, vengono sostituiti da uomini che, come Moltrasio, rappresentano la stabilità? Qualcuno potrà dire: vince chi comanda. Può darsi, inutile negare che una certa influenza chi ha già le leve in mano la eserciti. Ma certo questo non spiega tutto. La verità è che quando ci sono in ballo gli interessi diretti – perché si è azionisti, obbligazionisti o dipendenti – le valutazioni diventano di merito e il qualunquismo anti-casta lascia spazio al ragionamento.

Prendete la Bper: a fare la voce grossa contro chi ha gestito la banca fin qui c’era quel tal Gianpiero Samorì, assurto alle cronache politiche mesi fa perché voleva farsi un partito suo addirittura sostitutivo del Pdl. Poi per il novello Berlusconi le cose sono andate all’opposto delle sue smodate e malriposte ambizioni, e anche in banca le cose gli sono andate come in politica: bocciato sonoramente. Lo stesso è capitato in Ubi a Giorgio Jannone, che del Pdl è stato deputato: aveva preannunciato sfracelli, ma le migliaia di piccoli azionisti – forza del voto capitario! – hanno scelto un uomo di ben altra stoffa e qualità come Moltrasio. Il quale – lo dico perché lo conosco personalmente e so quanto sia il suo valore professionale e umano – è destinato a diventare una stella di prima grandezza in un sistema bancario che, come dimostra la nomina di Patuelli all’Abi, è alla ricerca di uomini più giovani e di qualità.

Si dice: la questione della trasformazione delle banche popolari in spa non è campata in aria. Vero, e la vicenda Bpm lo dimostra. Ma un conto è porla laddove la banca è stata mal gestita, o peggio, e un conto è usarla come arma impropria per giocare partite di potere. La verità è che va accantonato l’approccio ideologico al tema della governance delle popolari e recuperato un sano pragmatismo. Sono sicuro che Moltrasio vi contribuirà

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario