ultimora
Public Policy

Scene di vita politica romana...

Il pranzo della concordia

Il "patto" della pajata e la pace alla vaccinara: non c’è che dire (sic!)

di Paola Nania - 07 ottobre 2010

Umberto Bossi non avrà certo bisogno dei nostri consigli eppure… Eppure ce ne freghiamo e una piccola digressione sul tema Bossi-pajata ce la concediamo volentieri. Il fatto: ieri piazza Montecitorio è diventata osteria per un giorno. Transenne ovunque e tavoli con tovaglie di carta per sancire la pace (?!) tra il capo dei leghisti e Roma tutta, nella persona del sindaco Gianni Alemanno. Una bella “magnata” per chiudere l’incidente diplomatico provocato da Bossi che aveva sciolto l’acronimo SPQR con il (non troppo originale, a dire la verità…) “Sono Porci Questi Romani”.

Apriti cielo. Tensioni, polemiche – le ennesime – poi il colpo di genio: perché non fare pace con un bel pranzo folcloristico? Ed eccoci a piazza Montecitorio (presenti Gianni Alemanno e Bossi, ma anche Renata Polverini, Roberto Cota, Roberto Calderoli ecc ecc) e alla digressione promessa. La domanda è: per uno come Bossi che agita spesso e molto volentieri lo spettro di Roma ladrona (e pure magnona) è stata una genialata comunicativa farsi sorprendere col boccone di pajata in bocca? Cioè sguazzare nel banchetto (sostanzioso) che richiama neanche troppo velatamente quello simbolico del potere politico romano?

Bossi col sigaro acceso dall’amico Alemanno, col rigatone imboccato dalla premurosa Polverini, con il bicchiere di vino alzato in un brindisi e alle prese con un’inedita versione di polenta e coda alla vaccinara. E il tutto davanti ai vituperati Palazzi dell’altrettanto vituperato Potere romano.

Dubitiamo che la fede cieca delle camicie verdi venga scalfita da un episodio tanto minuscolo ma sommessamente rileviamo qualche incoerenza e ci chiediamo: chi ha consigliato a Bossi questa botta autolesionista all’immagine? Costretto dal bon ton politico verso un alleato? Può darsi. Si spiegherebbe anche perché al cosiddetto pranzo della pace, Umberto Bossi alla fine non abbia resistito. E a chi gli chiedeva del gp nella Capitale ha candidamente risposto: “Cazzo corri a Roma il Gran Premio?”. Pace fatta, non c’è che dire.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario