ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Il piano di Scaroni l’americano

Le alleanze del colosso italiano del petrolio

Il piano di Scaroni l’americano

L’accordo coi messicani ridisegna la mappa del petrolio italiano. E tiene lontano Chavez

di Enrico Cisnetto - 15 maggio 2007

Altro che “amico” di Putin. Paolo Scaroni, con l’acquisto delle attività della Dominion nel Golfo del Messico, ha lanciato nella complicata partita del petrolio – che si gioca sui tavoli della geopolitica prima ancora che su quelli dell’economia – un segnale forte verso chi giudicava l’Eni troppo sbilanciata in favore dei nemici di Bush.

In primo luogo, verso chi vedeva, con la partecipazione alle aste russe per le spoglie della Yukos, che il legame con Gazprom e di conseguenza con Putin si stava rinsaldando troppo, soprattutto nel momento in cui il presidente russo ha cominciato ad entrare in rotta di collisione con la Nato e gli Stati Uniti. Con questa mossa, infatti, Scaroni volta definitivamente le spalle al Venezuela di Chavez – con cui ha comunque in corso un arbitrato internazionale dal valore di 1,5 miliardi di dollari – e fa sì che anche i messicani guardino oggi più a nord che a sud nella ricerca di alleanze internazionali. Una presa di distanza, quella nei confronti di Chavez, che suona anche come vendetta (preventiva) verso chi vuole nazionalizzare la venezuelana Sidor della Techint, gruppo nel quale Scaroni ha lungamente militato.

Inoltre, l’operazione messicana appare una risposta a chi sosteneva che l’Eni fosse troppo “africana” – con tutto quel che ne consegue in termini di rischi per la sicurezza – rispetto alle altre compagnie: con questa virata a ovest, gli investitori che guardano anche alla posizione geografica degli asset, potranno essere soddisfatti. Insomma, l’accordo che Scaroni “l’americano” ha fatto con Dominion vale molto più dei 3,5 miliardi di euro che è costato.

Pubblicato su Il Mondo di venerdì 11 maggio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario