ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Il Medio oriente a rischio escalation

Coincidenza di episodi e probabili ripercussioni

Il Medio oriente a rischio escalation

Dalla morte di Tueni alle dichiarazioni di Bush, la situazione è sempre più incandescente

di Antonio Picasso - 13 dicembre 2005

Stanno giocando con il fuoco. Tutti e in tutto il Medio Oriente. A due giorni dalle elezioni in Iraq, una nuova escalation di violenza ha attraversato il Libano. E, nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti, George Bush, se ne è uscito con una delle peggiori dichiarazioni della sua presidenza.

Da una parte Beirut torna nella paura del terrorismo. La bomba esplosa ieri mattina, infatti, ha zittito una delle voci più libere e coraggiose del Paese: Gebran Tueni, editore, ministro, ma anche ambasciatore all’Onu. Un campione della libertà, come dice oggi l’Orient et le jour, quotidiano francofono, vicino alle posizioni cristiano-maronite. Tueni aveva dedicato la sua vita a contrastare il regime siriano di Bashar al-Assad. Auspicando la nascita di un Libano finalmente in pace, indipendente e democratico. Tueni è stato freddato proprio nel pieno del suo impegno. Facile, quindi, la connessione con la morte di un altro esponente libanese dell’opposizione al governo di Damasco: l’ex premier Rafik Hariri, caduto, anch’egli per un’autobomba, il 14 febbraio scorso. Un attentato, quest’ultimo, che aveva suscitato l’attenzione anche dell’Onu. Ed è una triste coincidenza, quella per cui, mentre Tueni moriva, veniva consegnato il rapporto definitivo, stilato dalla commissione di inchiesta guidata da Detlev Melhis, che per mesi ha investigato sulla morte di Hariri. Coinvolgimento dei servizi segreti, questa la tesi delle Nazioni Unite. Damasco, tuttavia, ha già fatto sapere di rifiutare categoricamente questa accusa.

Sempre contemporaneamente e per un amaro gioco di coincidenze, Bush rendeva pubblico, per la prima volta, un ipotetico di numero di vittime in Iraq: 30 mila, in mille giorni di combattimenti. Cominciano a essere tante. D’altra parte, il presidente Usa ha anche detto che non cambierebbe nulla e che rifarebbe la stessa scelta di invadere l’Iraq, per abbattere il regime di Saddam Hussein.

C’è un nesso perverso in tutti questi fatti accaduti tutti allo stesso momento?

Ovviamente no. O almeno tra l’uscita di Bush e gli attentati di Beirut non si può certo vedere nessuna connessione. Tuttavia, si possono delineare fosche conseguenze connesse tra loro.

Siria e Stati Uniti sono sul piede di guerra. Basta un niente per far sì che il conflitto in Iraq sconfini in territorio siriano. Il problema è che, se ciò accadesse, sarebbe difficile fare delle previsioni. Un disastro, d’accordo. Ma di che tipo?

Le Nazioni Unite, oramai, hanno esplicitamente assunto una posizione anti-siriana. Era quella che Bush aspettava. Perché, in tal modo, se fossi, non ci impiegherebbe molto a cavalcare quest’onda di attrito ed esercitare una pressione in favore di un intervento armato contro Damasco, questa volta legittimato dal Palazzo di vetro.

Fantapolitica? Lo si vorrebbe credere. O meglio, se ne vorrebbe esser sicuri. Il problema è che un po’ tutti i governi sembrano si siano dimenticati della cautela che è uno strumento fondamentale per l’attività diplomatica.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario