ultimora
Public Policy

Le ingerenze politiche nel settore privato

Il governo e Telecom Italia

Il compito dello Stato è ben diverso. Si occupi piuttosto di giustizia e sicurezza

di Davide Giacalone - 07 novembre 2007

Il governo non riesce a non impicciarsi degli affari di Telecom Italia. Gli autori della peggiore privatizzazione possibile, i responsabili di un enorme impoverimento ai danni dei cittadini, i tifosi di scalate predatorie che hanno inginocchiato l’azienda, non mollano la presa. Il ministro Bersani fa “pressing” sui soci della finanziaria Telco, affinché nominino al più presto i vertici di Telecom. Ed a che titolo se ne occupa, con che responsabilità parla di una società quotata? Dice Bersani che il governo, nel solito interesse del Paese, che poi un giorno ce lo spiega, è “pronto a fare la sua parte”, ma che è difficile se la più grande società non torna ad essere pienamente operativa. Bel modo di ragionare! Il governo faccia quel che deve, ovvero apra il mercato alla concorrenza, lo regoli e lo controlli, ma tolga le mani dalle società private.

Telecom l’hanno rovinata loro, ed ora s’appresta a finire in bocca agli spagnoli. E’ evidente, infatti, che le banche possono essere il supporto per un imprenditore, ma non possono essere le artefici delle telecomunicazioni. Lì dentro gli unici che sanno di cosa si parla sono quelli di Telefonica, quindi l’azienda è loro. Ciò dopo che il governo Prodi ha scatenato una guerra personale contro Tronchetti Provera, costringendolo a mollare. Quest’ultimo ha commesso errori e porcherie, che noi non abbiamo taciuto, attirandoci addosso i tigrotti al suo guinzaglio, e che abbiamo indicato nell’interesse stesso di Telecom. Il governo, all’opposto, usò tutte le difficoltà di Tronchetti per ottenere l’unica cosa che gli interessava: il suo allontanamento. Da quel momento, ed è passato più di un anno, l’azienda non ha più avuto una direzione, mancando di strategia e restando nelle mani dei medesimi che avevano condiviso le responsabilità di Tronchetti. Perché parla oggi, Bersani? Cosa gli prude nello scontro di potere fra banche, mentre un gioiello italiano finisce all’estero per un tozzo di pane?

Il compito dello Stato è ben diverso, e ben diversa dovrebbe essere la dirittura morale del governo. Si occupi della giustizia che va a rilento, del mercato protetto, dei controlli che fanno ridere, dei risparmiatori rapinati, delle gare farlocche. Non saltabecchi da una scalata all’altra, e stia zitto. Di danni ne ha già fatti abbastanza.

Pubblicato su Libero di mercoledì 7 novembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario