ultimora
Public Policy

Che razza di accordo hanno fatto?

Il 2x3 giudiziario

Quando i guasti della malagiustizia si mescolano alla superficialità della politica, il risultato è pessimo

di Davide Giacalone - 12 novembre 2009

Un processo che dura sei anni non è un processo breve, è un processo lungo. Troppo. I guasti della malagiustizia si mescolano alla superficialità della politica, fino a corrompere anche il vocabolario. Mi spiace disturbare tanto idillio, ma ho l’impressione che con idee di questo tipo non si risolva nulla e neanche si facciano gli accordi. Si naviga a vista, ma nella nebbia.

Sei anni sono lunghi, già sopra la media europea. Inoltre, il conteggio dei tempi decorre, secondo la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che continua giustamente a condannare l’Italia per denegata giustizia, dal momento in cui un cittadino riceve l’avviso di garanzia, da quando l’indagine che lo riguarda è avviata. Se, invece, si toglie tutta la parte precedente all’udienza preliminare, si finisce con l’accettare che il cittadino possa passare una decina d’anni a fare l’indagato e l’imputato. Non è solo troppo, è incivile.

Il 2x3 giudiziario (due anni per ciascuno dei tre livelli di giudizio) non risolve il problema della celerità, né, come detto, rende eurocompatibili i tempi del nostro processo penale. Ma neanche risolve il problema della prescrizione e, quindi, tanto per non girarci attorno, non risolve quelli del presidente del Coniglio imputato. Per quel che riguarda i tempi, pur non rinunciando alle altre, indispensabili, riforme della giustizia, comprese quelle costituzionali, basterebbe considerare perentori, quindi non eludibili, tutti i termini temporali previsti dal codice di procedura penale.

Oggi sono “ordinatori” quelli che competono alla magistratura, vale a dire che si possono anche non rispettare. Esempi: motivazioni delle sentenze depositate dopo anni, richieste di rinvio a giudizio, o proscioglimento, che non arrivano dopo la chiusura delle indagini, ma dopo mesi e mesi.

E veniamo alla prescrizione. Sarebbe giusto accorciarla, ma se, in realtà, si agisce sul processo, stabilendo che non può durare, in ciascun grado, più di due anni, e se ne stabilisce l’efficacia anche per quelli in corso, capiterà che alla data d’ingresso in vigore della legge ci saranno processi cui restano solo quindici giorni, o poche ore, poi svaniscono. In quel caso non si applica il “favor rei”, che stabilisce la prevalenza del criterio più favorevole all’imputato, ma ci si schianta sull’incostituzionalità. E’ una sorte annunciata, ammesso che una cosa simile si trovi scritta in una legge.

E, allora, che razza di accordo hanno fatto? Poca roba, neanche utile. Di fatto, oggi si presenta una proposta, poi si aprirà la corrida degli emendamenti. Su quelli gli accordi pregressi cascheranno e l’arena s’inzacchererà di sangue. Dopo poco tempo, come in un dannato gioco dell’oca, risaremo tutti alla casella di partenza.

Pubblicato da Il Tempo

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario