ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • I terroristi vanno presi sul serio

Brigate Rosse tra follia e politica

I terroristi vanno presi sul serio

Si vince la sfida del terrorismo creando solidarietà fra le forze politiche responsabili

di Davide Giacalone - 13 febbraio 2007

E’ forte la tentazione di definire matti i nuclei sopravvissuti, o rinati, delle Brigate Rosse. Solo dei dementi possono credere che vi sia una qualche possibilità al mondo di fare la rivoluzione comunista, e solo dei pericolosi cretini possono pensare che i primi passi si muovano incendiando qualche tanica di benzina. Ma è altrettanto forte la tentazione di prenderli maledettamente sul serio, di ricordare che è gente capace di ammazzare chi non può difendersi e che considera colpevole per le idee che esprime. Ci sono diversi segnali che mi spingono a cedere alla seconda e non alla prima tentazione, non ultima l’accoglienza che viene riservata a gente dello stampo di Oreste Scalzone, che solo l’irresponsabilità dei francesi e l’inefficienza della giustizia italiana hanno sottratto al giusto carcere. Uno come lui non lo si va ad intervistare per sentirsi dire che vuole ancora fare la rivoluzione, e se si mette a suonare la fisarmonica fuori da una carcere dov’è rinchiuso un brigatista rosso non lo si riprende elogiandone la perseveranza, ma lo si seppellisce nel silenzio, e se possibile nel ludibrio.

Tutti questi rivoluzionari saranno pure deficienti, ma lo scontro sulla legge Biagi lo ricordo bene ed ancora lo vedo. Sulle politiche del lavoro possono ben esistere posizioni ed opinioni diverse, ci mancherebbe, ma se si muove l’opposizione ad una legge dicendo che crea il “precariato sociale” e condanna alla povertà, quando tutti i dati indicano inconfutabilmente che i posti di lavoro sono aumentati ed i precari diminuiti, se si condisce questa palese bugia ammantandola di una rinovellata lotta di classe, trasformata in odio politico per uno schieramento che viene chiamato “destra” per indicar fascista, allora ecco che i minorati mentali possono pure credere d’essere dalla parte della ragione. Marco Biagi è morto, ammazzato da pallottole vere, sparate da una pistola vera, impugnata da veri coglioni comunisti, ed è morto sol perché non riteneva accettabile tacere quel che gli era evidente. Ecco, questo induce a prenderli sul serio, questi scarti d’umanità. Oggi non si tratta di dire: fra gli arrestati (nel mio mondo civile, che non è il loro, vale la presunzione d’innocenza) ci sono dei sindacalisti, ecco la complicità. No, è sbagliato. Ma si prendano le parole dei sindacati, si prendano quelle della Cgil, quelle di Epifani, quelle della sinistra che ha voluto inserire nel programma l’azzeramento della legge Biagi, e ci si domandi: quanto queste tesi sono state sostenute con le armi della dialettica ed i numeri della realtà e quanto, invece, si è fatto riferimento suggestivo ad una lotta fra interessi che si volevano contrapposti, quando contrapposti non erano? Quanto nel linguaggio della sinistra è tenuto a restare astratto ed evocatorio per non fare i conti con una realtà che ne ha abbattuto tutti i miti? So benissimo che tutta la sinistra parlamentare non ha nulla, ma proprio nulla a che spartire con queste bestie assassine, ci mancherebbe! Ma quante delle loro parole possono essere vestite double face?

E’ già successo in passato: non si vince la sfida del terrorismo, che è anche quella dell’antagonismo violento, se non creando una solidarietà fra le forze politiche responsabili. Ma, davvero, senza polemica, l’avere dedicato un’Aula della Camera dei Deputati a Carlo Giuliani è un errore catastrofico, che costerà caro a quanti non avranno abbastanza cervello per apprezzare la finezza ipocrita di chi lo volle.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario