ultimora
Public Policy

Emergenza sottovalutata in Campania

I rifiuti e le tante ecofollie

Il ministro dell’Ambiente spende soldi in motorini elettrici. E il commissario è a rischio

di Davide Giacalone - 13 giugno 2007

Quella dei rifiuti sarà un’emergenza per la Campania, ma non per Pecoraro Scanio, che da ecoministro si concentra sui soldi che lo Stato può buttare (15 milioni) per incentivare l’acquisto di biciclette e di motorini elettrici. Idea ecomacabra, dato che mille ciclisti sono stati ammazzati in un anno, ed ecoinutile, perché pedaliamo anche senza elemosine. Idea ecodemente, perché le macchine elettriche le ricarichiamo con energia comperata in Francia e prodotta con il nucleare, svenandoci. Ma l’ecocapacità di conquistare qualche fotografia ha affascinato sia il Pecoraro che lo Scanio. Adesso, per coronare, l’ecoburlone s’appresta a votare un decreto legge emanato dal suo stesso governo, dove si stabilisce che il commissario straordinario può usare anche le discariche che inquinano. Ecomeraviglioso.

Già, perché secondo il governo sostenuto da chi nella mondezza sta affogando la regione, Bassolino in testa, il commissario Bertolaso, che qualche giorno fa doveva andarsene, può decidere di usare discariche poste sotto sequestro dalla magistratura. Il che sarebbe ragionevole (ma non giusto, dove sono le loquaci toghe?) se il sequestro fosse dovuto, mettiamo, ad infiltrazioni camorristiche, ma se, invece, è dovuto ad infiltrazioni inquinanti è come dire che il commissario ha il potere di avvelenare la gente. In questo modo un’emergenza ne crea un’altra, per la gioia di un futuro commissario. A questo si aggiunga che la discarica sospettata d’inquinamento è proprietà anche di privati che hanno fatturato 9 milioni di euro in appena quattro mesi, con il decreto vengono sollevati da ogni responsabilità e l’inquinamento se lo beccano gli altri.

Problema irrisolvibile? Con i Pecoraro e con gli Scanio sì. Ma, in realtà, ci sono città della Campania dove le cose funzionano, si vive nel pulito, la raccolta differenziata è una realtà. Con quella si può riciclare molto, fornendo di materie prime anche industrie campane, e si diminuisce drasticamente quel che deve essere buttato nelle discariche. Per mettersi su questa strada occorrono amministrazioni decenti, cancellazione di monopoli pubblici costosi e paralizzanti, capacità politica di metterci la faccia, senza coprirsi dietro un commissario. Cambiare si può, benché non piaccia ai potentati politici responsabili del disastro.

Pubblicato da Libero di mercoledì 13 giugno

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario