ultimora
Public Policy

Le quote Bankitalia

I meriti dei grillini

Il decreto Imu-Bankitalia mischiano il peggio di questa maggioranza, e non solo

di Davide Giacalone - 29 gennaio 2014

La rumorosa opposizione ortottera ha un merito: ha stanato tutti sulla sorte di Banca d’Italia. Il deputato Giorgio Sorial, del Movimento 5 Stelle, ha dato il suo insperato contributo ad evitare che, anche oggi, i giornali si soffermino sul merito della questione, che è enorme, e c’è riuscito dando del “boia” al presidente della Repubblica. In più di una banca, di una redazione e di una sede (indebitata) di partito gliene saranno grati. Ma sta di fatto che la, pur tardiva (potevano pensarci al Senato, noi battiamo il tasto da novembre!), determinazione nell’opporsi all’osceno trasloco di patrimonio, da pubblico a privato, ha costretto tutti a uscire allo scoperto.

Fino a ieri, su quel decreto legge, sembrava che i gruppi dominati fossero solo due: a. quelli che, Partito democratico renziano in testa, votavano a favore, ma se ne vergognavano; b. quelli che, Forza Italia in testa, votavano contro, ma non se ne vantavano. Cosucce timide s’erano viste, sia nel gruppo di sinistra, dove non pochi senatori s’erano rivoltati al decretaccio, sia nella destra, dove il dubbio più grosso consisteva nel non volere credere che si stesse consentendo lo scempio. Ma, per vederle, ci voleva il microscopio. Il merito della gazzarra pentastelluta è di avere scoperchiato il formicaio.

Linguaggio inaccettabile, quello di Soria. Concetto volgare. Eloquio sgrammaticato. Ciò non toglie, però, che se il Colle lascia passare un decreto improponibile, per la sua disomogeneità, mettendo assieme un microbo urgente (Imu) a un elefante inquietante (Bd’I), e se financo la discussione viene strozzata, complice un sistema dell’informazione che ha dimostrato tutta la sua cointeressata e complice omertà, qualche dubbio sulla praticabilità democratica e la linearità istituzionale è lecito. L’onorevole con la barbetta intarsiata non merita alcuna comprensione. Tal quale quanti hanno accompagnato il decreto con la penna fra le gambe, e non penzolante. Tal quale i parlamentari che sanno benissimo quale disastro si prepari, ma lo hanno votato per disciplina e voglia di restare dove sono. Qui l’unica attenuante è l’ignoranza, che può essere attribuita in modo vasto, ma conduce solo a farli rincasare in fretta.

Lo scorporo poteva essere una teorica soluzione, come supposto da una delle forze della maggioranza, Scelta civica, per bocca di Andrea Romano: da una parte la copertura Imu, che viaggia per decreto; dall’altra Bankitalia, che torna in stazione. Dario Franceschini, ministro per i rapporti con il Parlamento, l’ha definita impraticabile. Ha ragione. Non sotto il profilo tecnico, ma sostanziale: camuffata da Imu è l’altra l’operazione cui tengono.

Il presidente della Camera, Laura Boldrini, e il capo gruppo del Pd, Roberto Speranza, hanno detto che sarebbe stato intollerabile vedere cadere il decreto, perché ciò avrebbe comportato l’immediato pagamento, da parte degli italiani, della seconda rata Imu del 2013. Vadano a fare un corso serale, che tanto di mattina dormono: se cade il decreto manca la copertura, comportando un problema per il governo, non per gli italiani. Certo, se l’unico modo che conoscono per coprire i buchi consiste nello scavarli nelle tasche altrui, la loro tesi assume un certo fascino. Ma niente affatto in modo automatico.

Visto che l’opposizione la si faceva veramente, Forza Italia, con Renato Brunetta, ha ritrovato voce per dire non solo che il decreto è una porcheria, non solo che la sua disomogeneità lo rende illegittimo, ma che chi lo ha concepito deve essere allontanato. Ancora non riescono a dire che rivalutare un patrimonio non nel posto dove si trova, ma nei bilanci degli azionisti (che poi azionisti non sono manco per niente), trasformando in privato quel che è collettivo, è uno scandalo. Attendiamo che lo capiscano.

Intanto Fratelli d’Italia, con Guido Crosetto, ha posto una questione, presentando un ordine del giorno in cui si specificava che l’oro della patria resta dello Stato, non essendo proprietà di Bd’I. Il governo ha rifiutato il consenso. Quella dell’oro è questione complessa. Mi limito a ricordare che la banca centrale lo inserisce nel proprio patrimonio (pagina 260 della relazione annuale), valutandolo in 99.4 miliardi di oro e crediti in oro. Le 2450 tonnellate di riserve auree, dunque, che fine fanno? Nel senso: di chi sono? Perché se sono della banca ora finiscono agli azionisti. Privati. Se sono dello Stato, come ritengo, e colà solo depositati, allora non dovrebbero stare a stato patrimoniale. Neanche a questo dubbio, in tutti i sensi pesante, hanno voluto rispondere.

Il decreto è in bilico. Per convertirlo il Pd paga il prezzo d’intestarselo interamente, cosa che gli procura amicizie altolocate e rabbia ampiamente dislocata. Per emanarlo Napolitano dovrà accettare di riceverlo e firmarlo solo poche ore prima della scadenza ultima, fissata per la mezza notte di oggi. Di solito lanciava moniti sia contro i decreti disomogenei che contro gli invii senza tempo per leggere. Che s’ha da fa’, pe’ banca’.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario