ultimora
Public Policy

Unione Europa

I compromessi sono troppi

I tempi lenti della politica e la tendenza al ribasso su qualunque intesa stanno mettendo a rischio il progetto di una vera Unione Europea

di Enrico Cisnetto - 21 ottobre 2012

Basta. Mi sono stancato dell’ennesimo compromesso europeo, per di più al ribasso. Ma soprattutto, non ne posso più del rimpallo delle responsabilità (che pure ci sono, sia chiaro) sulla Merkel da parte di chi – francesi in primo luogo, ma anche noi – non ha fatto nulla per mettere con le spalle al muro i tedeschi. La signora Merkel chiede di istituire un commissario europeo che non solo controlli i bilanci degli Stati dell’eurosistema, ma possa anche intervenire su di essi con pieni poteri? Ha ragione: se la moneta comune rende interdipendenti e dunque l’errore di uno procura conseguenze a tutti, non si vede perché ciascuno possa essere libero di fare come gli pare, scaricando i costi anche sui virtuosi.

Si dice: ma Berlino non propone una cessione omogenea di sovranità, bensì asimmetrica, per cui taluni la perdono e altri dominano. Vero. Ma allora, perché chi è destinato a soccombere non propone uno schema federativo più equilibrato invece di inseguire obiettivi specifici, come la vigilanza bancaria in capo alla Bce o gli eurobond, che peraltro non risolvono, se non parzialmente, la crisi europea? Hollande ogni volta che si è parlato di integrazione politica ha sdegnosamente fatto sapere – in perfetta continuità con Sarkozy, evidentemente lo sciovinismo transalpino è bipartisan – che la sovranità di Parigi non si tocca. E allora, perché il governo tedesco dovrebbe calarsi le brache? E Spagna e Italia, che sono i paesi “bisognosi” di aiuto, come mai non hanno preso un’iniziativa politica forte nella direzione degli Stati Uniti d’Europa?

Se la Merkel, sempre più preoccupata dell’approssimarsi delle elezioni tedesche, tenta di svicolare dall’unione bancaria – per sottrarre alla vigilanza centralizzata le sue casse di risparmio e banche cooperative, veri centri di potere politico – rilanciando sull’unione fiscale, bisogna risponderle che ci vogliono entrambe, e che la seconda non può consistere nella mera creazione di un poliziotto fiscale europeo, ma deve necessariamente includere un gettito tributario e un debito pubblico comuni. Andare avanti a spizzichi e bocconi non funziona, e alla fine tutti, a turno, sono frenatori. La Bce ha “comprato tempo”, e il ribasso (seppure ancora troppo contenuto) degli spread conferma che ha fatto bene, ma se questo vantaggio viene sprecato sull’altare di vertici europei che producono poco o nulla, e che per di più certificano la frattura tra i tempi (maledettamente lenti) della politica e quelli (sempre più veloci) della crisi continentale, allora si sarà buttata via anche l’ultima occasione per evitare l’eurodisastro.

Io non so se l’alternativa a questa impasse eterna sia l’idea lanciata da Lucio Caracciolo di un referendum pro Stati Uniti d’Europa, che sposti la sede delle decisioni dai trattati fra nazioni ai cittadini. È affascinante ma nello stesso tempo pericolosa, perché la crescita di un sentimento anti-europeo oggi serpeggia sia negli stati forti (che hanno paura di pagare i conti altrui) sia in quelli deboli (ove prevale la tentazione di scaricare la colpa dei propri disagi sui primi) rischia di mettere una pietra tombale sull’euro e sull’Europa unita. Ma qualcosa dovrà pur essere fatta. È troppo chiedere che nell’ormai incipiente campagna elettorale italiana trovi posto anche e soprattutto questo tema?

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario