ultimora
Public Policy

La colpa è tutta della corporazione?

Giudici socialmente inutili

In un Paese senza legalità le colpe più grosse ricadono sulla politica

di Davide Giacalone - 14 gennaio 2008

Numerosi giudici milanesi si sono definiti “lavoratori socialmente inutili”. E’ vero. Scrivono: “oggi pm, avvocati e giudici percepiscono lo stipendio (tutti dallo Stato) per fornire una giustizia penale del tutto inutile”. E’ così. Fra poco arriveremo all’inutilissimo rito dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, dove si sprecheranno le solite geremiadi al vento, magari anche con il grottesco ed offensivo sventolio della non digerita Costituzione, poi ciascuno tornerà ad occuparsi dei propri interessi corporativi. Hanno ragione, quindi, i giudici di Milano, come ieri davamo ragione alla dottoressa Bocassini, ma è anche colpa loro.

E’ colpa di una corporazione il cui ventre molle tace e fa carriera, sempre rifiutando veri e seri controlli di competenza, cultura e produttività, ma accettando le camarille correntizie. Il processo penale è fermo, anche perché il legislatore non fa passare giorno senza scassare codici e procedure. Ma quel processo non funzionerà mai se non se ne accetta la necessaria premessa logica: la separazione delle carriere fra accusatori e giudici. La corporazione ha sempre rifiutato questa ovvietà, comune a tutto, dicasi tutto, il mondo civilizzato.

E’ colpevole, pertanto, d’avere perseguito i propri miserabili interessi calpestando il diritto. In quel senso non sono solo inutili, sono anche dannosi. C’è oggi chi se ne rende conto? Bene, la smetta di piagnucolare e si ponga fuori dal coro, rompa l’omertà di casta, rivolga lo sguardo ai sistemi che funzionano. Non cerchino compassione, comunque non l’avranno da chi, come noi, queste cose le scrive e denuncia da moltissimo tempo.

La colpa è tutta della corporazione? Assolutamente no, le colpe più grosse ricadono sulla politica. Non che sia stata peggiore della corporazione, è che non ha saputo essere migliore. E ricadono anche sulla cultura, sulle cattedre, sulle anime superflue di chi non sa far lezione perché del diritto ha smarrito il senso. La bancarotta giudiziaria, sommata alla vigliaccheria politica e unita all’insipienza culturale hanno modellato un Paese senza più legalità. Guardate Napoli, ed imparate dove si va a finire. Se quei giudici milanesi lo hanno capito, che siano benedetti. Se è solo una trovata pubblicitaria, come altre in passato, almeno è autobiografica e meritata.

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario