ultimora
Public Policy

Tecnici che chiamano i supertecnici

Ghost review

Più sento parlare di spending review più cresce la paura che il fantasma abbia già sottratto l’anima e incatenato i nuovi inquilini del palazzo, come già fece con i predecessori.

di Davide Giacalone - 04 maggio 2012

Un fantasma si aggira per le stanze governative: la spending review. Fra ululati di terrore e mugolii d’attesa non si sa più neanche cosa sia, al punto che ne viene annunciata l’apparizione per propiziare il taglio di quattro miliardi dalla spesa pubblica. Come aspettarsi da una fotografia che sappia ristrutturare la casa cadente o far ricrescere i capelli a chi li ha persi. Quegli strumenti, se non truccati, servono per conoscere e capire, per raffigurare fedelmente, non per modificare la realtà o cambiarne i connotati.

Luigi Einaudi usava dire: “conoscere per deliberare”, sapere prima di decidere. La spending review appartiene al “conoscere”, poi serve “deliberare”. Alcuni componenti dell’esecutivo hanno sulle spalle lunga esperienza, relativamente alla spesa pubblica. Vale per il presidente del consiglio, Mario Monti, per Piero Giarda, per Vittorio Grilli ed altri ancora.

Insomma la spending review è importante, ma non è che si tratta di persone altrimenti sprovviste di strumenti culturali atti a comprendere quel che è bene fare. E come farlo. Che il fantasma strascichi le sue catene per il palazzo è suggestivo, quel cui si deve fare attenzione è non inciampare in quelle catene. Hanno un potere magico: chiunque le tocchi ne resta ammaliato, al punto di credere, subito dopo, che nulla può essere cambiato, al più leggermente limato. Appartiene a questo maleficio l’idea che il governi s’appresti a tagliuzzare senza radicalmente cambiare.

L’obiettivo, a quel che si legge, è trovare le risorse con cui evitare l’ulteriore aumento dell’iva, dal 21 al 23 per cento, nel prossimo autunno. Intento lodevole, perché quell’incremento penalizzerebbe ancora i consumi e avrebbe il solo effetto di intensificare la recessione, ma non sufficiente. La spesa pubblica italiana non va ridotta, va rivoluzionata e dimezzata.

La via c’è. Una consiste nell’accorpare le provincie, sostengono alla banca centrale europea. Capisco da dove viene l’errore: a forza di sentir ripetere, dagli italiani stessi, che le provincie sono inutili, e a forza di vedere che non cambia un accidente, quelli provano una via intermedia: accorpatele. Ricetta sbagliata. E’ l’intero capitolo della governance locale a dovere essere riscritto. L’unico ente territoriale che appartiene alla nostra storia sono i comuni. I piccoli non costano, quindi il problema degli accorpamenti, in quel settore dell’amministrazione territoriale, riguarda le municipalizzate, capitolo che porta direttamente a quello delle liberalizzazioni (clamorosamente mancate).

Dal comune in su siamo nel campo della sovrapposizione, dell’inutilità, della dissipazione e della burocrazia che, per mantenere in vita se stessa ammazza il cittadino e l’impresa. Tutti a dire che le province vanno chiuse (e sarebbe ora), perché, le regioni vi sembrano da proteggere? Sono piccole, inutili, dispersive nella spesa, fuori controllo e senza alcun rapporto diretto con il cittadino. Un fallimento.

La spending review non serve a stabilire che si deve tagliare nella spesa per la scuola o per le carceri, perché per un simile rozzo concetto è sufficiente un mestierante nasometrico. Serve a conoscere per disboscare. Se il machete non lo impugnano i tecnici, che non dovrebbero avere consanguinei al governo degli enti territoriali, che ci stanno a fare? Se anche loro, che hanno scienza e libertà, finiscono prigionieri dei fantasmi, in cosa propizieranno un risultato diverso? Non vorrei tornare all’esorcista, anche per ragioni culturali.

Quando vai a disaggregare e conoscere la spesa sanitaria ti rendi conto che si può risparmiare migliorando il servizio, senza nulla togliere ai malati. Quando studi la digitalizzazione della scuola ti rendi conto che diminuendo la spesa complessiva, quella dello Stato più quella delle famiglie, puoi realizzare una scuola interamente computerizzata. Quando esamini la spesa per la giustizia ti rendi conto che il problema non è trovare i soldi per finanziarla, ma la lucidità per tagliarla di brutto, in modo da far riemergere la giustizia stessa dalla fanga di un’amministrazione che ha sminuzzato e spappolato tutto, nel nome dell’autonomia e a eterna gloria dello spreco (e della ruberia). Più sento parlare di spending review più cresce la paura che il fantasma abbia già sottratto l’anima e incatenato i nuovi inquilini del palazzo, come già fece con i predecessori. Ha anche mollato una catenata sulla testa di quelli della Bce, che pure sono lontani. Un suggerimento: aprite le finestre e buttatelo di sotto.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario