ultimora
Public Policy

Dossier Iraq: che significa missione civile?

Gestito male e senza una linea

La sinistra incapace di stilare uno straccio di riflessione sui nostri interessi nazionali

di Davide Giacalone - 13 giugno 2006

Il dossier iracheno è gestito come peggio non si potrebbe. Prima il caos pacifista, poi l’intervento del ministro degli esteri: ci ritireremo in modo concordato con alleati ed autorità irachene. Bene, scrissi. Aggiunse: ritirati i militari non ci saranno missioni di civili, ma aiuteremo gli iracheni. Ovvia la prima cosa, ma in che consiste la seconda? Mistero. Fu la volta del Presidente della Repubblica, il quale ci tenne a sottolineare non solo che i militari italiani erano in Iraq in missione di pace, su specifico e preciso mandato dell’Onu, ma che a quelle missioni non ci si può e non ci si deve sottrarre. Ben detto, ma perché allo stesso uomo politico non è venuto in mente quando quelle missioni sono state decise, perché chi oggi lo applaude ieri le condannava?
Nel frattempo il governo dice che dall’Iraq ce ne andiamo, ma resteremo in Afghanistan, in Kosovo, ed in Bosnia. I nostri alleati non la prendono benissimo, ma ci lanciano subito la sfida: d’accordo, andate pure via, ma portate i vostri aerei da guerra a Kabul. Dove, per la cronaca, siamo presenti nell’ambito di una missione Nato. Pensiamoci, parliamone, dicono alla difesa ed agli esteri, ma il ministro Bonino è di parere opposto: più uomini e più armi in Afghanistan. Nel frattempo Parisi, con il nuovo berretto, corregge il tiro: dall’Iraq ce ne andiamo il più presto possibile, ed i militari non resteranno neanche nel caso ci siano dei civili da proteggere. Ma non era stato escluso che si lasciassero dei civili? Se li si lascia senza protezione li mandiamo al macello. Forse si ha in mente di chiedere agli americani di proteggere qualche Simona di turno, risultando patetici ancor prima che inaffidabili. Poi si parla anche di continuare ad addestrare la polizia irachena, ma di farlo in Kuwait, senza rendersi conto che questo moltiplicherebbe il rischio di essere attaccati, anche in Italia, perché individuati come anello debole, titubante, da spingere alla fuga.
Il tutto senza che vi sia uno straccio di riflessione sui nostri interessi nazionali. Noi in Iraq ci siamo andati, abbiamo fatto un buon lavoro, ci abbiamo lasciato dei morti e rischiamo di andarcene senza trarne profitto né politico né economico. Anzi, se il nostro ritiro dovesse malauguratamente coincidere con una ripresa di potenza e terreno del fondamentalismo assassino, possiamo scommettere che gli iracheni se ne ricorderanno a lungo. E scrivo questo, si badi, senza sentire minimamente il bisogno di citare i Rizzo, i Caruso o le Menapace, senza tirare in ballo l’estremismo antioccidentale. La materia non si presta alle spiritosaggini propagandistiche, ma il governo non può gestirla senza avere una linea univoca, ferma, scadenzata, indiscutibile. Io non la condividerò, ma sarei più tranquillo se esistesse.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato su Libero del 13 giugno 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario