ultimora
Public Policy

La piazza di fronte ai casi di pedofilia

Garantismo, questo sconosciuto

Altro che toghe rosse, la giustizia è un pozzo senza fondo. Dove il diritto è sotterrato

di Davide Giacalone - 08 maggio 2007

L’assurdo diventa realtà, nel collasso della giustizia italiana. Così capita di vedere un parroco e dei cittadini sfilare per reclamare la liberazione di alcune maestre d’asilo, manco fossero militanti terroriste, e da dentro il carcere si levano delle urla contro le pedofile, “ste zozze”.

Il processo di piazza ha già avviato il suo incivile rito, le carte giudiziarie svolazzano, le intercettazioni si pubblicano, video e disegni si offrono al giudizio degli incolti, innocentisti e colpevolisti prendono posto. Si accuseranno di garantismo i cultori del diritto, si sottolineerà la pericolosità dei reati contestati, si dirà di tutto, pur di non puntare il dito contro una giustizia che fa orrore.

Sì, certo, il problema non sono i pedofili, ma la giustizia. I pedofili, se ci sono, si spera di scoprirli e condannarli a lunghi, interminabili anni di galera e per farlo occorre che ci sia qualcosa di simile alla giustizia. Ma come si fa a definire indubitabili elementi che, per definizione, ad indagini aperte, devono essere sottoposti a vaglio critico? Quale arroganza e quale ignoranza giuridica spingono i magistrati a trarre in arresto persone che poi non si liberano perché “non è cambiata la loro posizione processuale”? Il processo non c’è e dell’indagine si parla da mesi, quindi la custodia cautelare assume il valore di tortura. Chi ha mai autorizzato la magistratura alla violazione del codice, che impone, nel corso delle indagini, di raccogliere anche le prove a favore degli indagati? (Quando il fenomenale Tonino Di Pietro fu messo in cattedra, spiegava che solo i beoti potevano credere a quella norma. Solo i beoti credono alla legge. E, del resto, se è lui che l’insegna …).

Non è un problema di toghe rosse o nere, dietro questa vicenda, dietro le migliaia di cui nessuno si cura, non c’è un complotto, ma solo la noncuranza con cui si trattano i cittadini quale carne da macello giudiziario, l’impunità di una casta togata dove nessuno paga mai per nulla, il potere esercitato senza controlli, la complicità di una stampa popolata da copisti che leccano la toga per avere la notizia accusatoria, la viltà di una politica che spera di tutelare se stessa e se ne frega di tutto il resto. Così si finisce in galera e si è condannati senza processo. Poi, se colpevoli, si esce.

Pubblicato su Libero di lunedì 7 maggio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario