ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • “Fragments” per riscoprire una diva

Poesie, appunti e lettere inedite di Marilyn Monroe

“Fragments” per riscoprire una diva

Per dimostrare che niente è come sembra

di Paola Nania - 13 ottobre 2010

Se tutte le oche giulive fossero così complesse il mondo andrebbe alla rovescia. Levatevi quindi dalla testa l’immagine stereotipata della Marilyn Monroe svampita, bella ma un po’ stupidotta, se avete intenzione di leggere “Fragments”.

Il testo in questione è una raccolta di poesie, appunti e lettere dell’icona hollywoodiana - a cura di Stanley Buchtal e Bernard Comment (edito in Italia da Feltrinelli) - sbucati fuori dopo decenni a ricordarci che niente è come sembra. E molto si discosta dalla vulgata comune.

Eccoci allora all’avvertimento iniziale: allontanate l’immagine della bellissima oca giuliva e preparatevi a scoprire altro. Non solo un animo fragile, terrorizzato dalla pazzia che aveva colpito la madre e ancor prima la nonna, ma Marilyn Monroe poetessa indisciplinata, spietata analista di se stessa, pignola, donna lacerata e alla ricerca di risposte.

Altro che sciocca, ripetiamo ancora. Marilyn, fin dal primo matrimonio che la vide sposa bambina, analizzava, rifletteva e trascriveva su carta. Ecco allora fogli volanti, lettere battute a macchina, appunti presi disordinatamente su agende rosse o nere. Un bisogno urgente, a volte disperato, di sfogarsi, capire e capirsi, lavorare su stessa, migliorare.


Scrive tra i tanti appunti: “Per la vita: ci vuole decisione per non farsi travolgere. Per il lavoro: la verità si può solo ricordare, mai inventare”. E ancora: “Dopo un anno di analisi. Aiuto aiuto aiuto. Sento la vita farsi vicina quando voglio solo morire”. Poi due pagine bianche con un unico appunto: “having a sense of myself” (Avendo un senso di me) e una lettera all’amica Paula: “Deve essere successo qualcosa che mi ha fatto perdere la fiducia in me stessa. Non so cosa. So solo che voglio lavorare…”

A corredare la scoperta di una diva, le foto bellissime che la ritraggono ammiccante (e questo la sapevamo già) ma anche intenta (sorpresa!) a leggere l’Ulisse di James Joyce.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario