ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Forza del Sud, se ne sentiva il bisogno?

Il Gattopardo

Forza del Sud, se ne sentiva il bisogno?

Qualche riflessione sulla nuova formazione di Gianfranco Micciché

di Paola Nania - 26 ottobre 2010

Cos"è, un "liberi tutti"? I partiti si sgretolano e i corpuscoli, i movimenti, i think tank si moltiplicano? Pare proprio di sì. E in qualche caso non è che ne sentissimo il bisogno. Prendiamo ad esempio "Forza del Sud", il nuovo partito (?) fondato da Gianfranco Miccichè in Sicilia, che sarà ufficialmente presentato a Palermo il 30 ottobre prossimo. Una formazione che nasce evidentemente in funzione anti-Lega ma che si dice fedelissimo a Berlusconi che, non a caso, "è stato sempre informato di tutto".

Miccichè pare abbia le idee chiare: "Non dobbiamo essere contro tutti, dobbiamo stare nel centrodestra ed essere determinanti per orientarne le scelte. Dobbiamo avere tanti deputati, tanti senatori e tanti ministri". Idee chiare ma un tantino pretenziose. Che forza propulsiva può avere - su scala nazionale - Forza del Sud? Che credibilità o spinta "rivoluzionaria" può vantare un partito che ancor prima di nascere ufficialmente ha già due componenti sospettati di "vicinanza" a Cosa Nostra? E questo sarebbe il nuovo che avanza? E" piuttosto un "gioco" barocco, fatto di puzzle che si scompongono e ricompongono, un "tutto cambia perché nulla cambi".

No, non se ne sentiva davvero il bisogno. Senza contare il segnale - uno in più - che viene mandato alla faccia della sbandierata unità. Il respiro nazionale affanna, trionfano - scoperta non nuova, a dire il vero - i regionalismi: dalla Lega a Forza del Sud (ma già da tempo si discute di una formazione meridionalista in grado di riequilibrare il Senatùr), in una continua rincorsa a difendere l"orticello, il particolare. Tant"è. Tendenza da registrare, perché contrastarla non ci sembra impresa semplice.

Forza del Sud, dicevamo. Con il suo logo colorato e un po" infantile punta a fare incetta di voti in Sicilia, giusto in tempo per rubarne parecchi all"Udc di Casini e al gruppo dei finiani, che nel meridione hanno il loro bacino d"elezione. Una manovra ben calcolata più che uno slancio propositivo. I soliti giochetti da Gattopardo, quelli di cui non abbiamo bisogno.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario