ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Forma istituzionale e sostanza politica

Il bipolarismo coatto è al tramonto

Forma istituzionale e sostanza politica

Il compito della prossima legislatura è costituente. Chi si attarda, perderà

di Davide Giacalone - 08 febbraio 2008

Tolto di mezzo il prodismo, l’occasione costituente è a portata di mano. Già se ne colgono i segni, positivi, in quel che precede la campagna elettorale. Cerchiamo di non sprecare l’occasione, perché sono le forze politiche che cambiano le istituzioni, e sono le forme istituzionali a modellare le forze politiche. Il divenire è continuo, non deterministicamente positivo, e non consente d’oziare domandandosi se viene prima l’uovo o la gallina. La scelta di Veltroni, l’idea di portare il pd alle elezioni da solo, senza lavorare ad alleanze tanto vaste quanto false, non è coraggiosa, è saggia. Elezioni che partono perse sono un’ottima occasione per cambiare forma politica e classe dirigente. La rottura nella sinistra, inoltre, porta con sé la distruzione dell’assetto istituzionale che Berlusconi (meritoriamente) impose nel 1994. Quel bipolarismo tramonta, perché uno dei due poli, dopo essersi massacrato, ha deciso di non stare più al gioco. In queste condizioni il centro destra può anche presentarsi ricoalizzando tutti ed assicurandosi la vittoria. Ma rischia d’attardarsi in una partita che si rivolge al passato. Inoltre, ne ho già scritto, i due elettorati di riferimento sono assai più avanti, nel processo di unificazione, dei gruppi dirigenti. E’ tempo, dunque, che anche nel centro destra si prenda atto della realtà: il maggioritario non è stato introdotto dalla legge Mattarella, e neanche dalla Calderoli, che pure prevede un premio di maggioranza, ma sarà frutto della scelta veltroniana. Questo, a sua volta, renderà necessario un cambio istituzionale, mettendo i vincitori nelle condizioni di governare, veramente, e consegnando agli sconfitti l’essenziale ruolo di vigilare e denunciare, veramente. Mentre tutti dovranno sapere che le elezioni successive non potranno essere la continuazione galleggiante del passato, ma la vittoria o la sconfitta di precise proposte politiche.

Il compito della prossima legislatura, se non vorrà essere altro tempo perso, sarà quello di trascinare le istituzioni dove la realtà è già arrivata. Chi si attarda perde, o perderà. Per questo il centro destra non dovrebbe adagiarsi su forma e personale tradizionali, con i quali cogliere l’ultima vittoria, ma fare spazio a quelli che consentano di gareggiare, e vincere, anche in futuro.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero di venerdì 8 febbraio

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario