ultimora
Public Policy

Magistrati, non sono i giudici supremi

Fermiamo il motivazionismo

Le motivazioni dovrebbero spiegare le sentenze secondo diritto. Invece i giudici si erigono a censori morali. Tutto ciò è intollerabile

di Davide Giacalone - 23 novembre 2013

Bisogna fermare la letteratura giudiziaria. Non è il primo problema della giustizia italiana, la peggiore del mondo civilizzato, la più lenta, la più arrogante, la più capace di tenere in galera innocenti e di togliere diritti anziché tutelarli. Eppure la letteratura delle motivazioni, il socioluogocomunsimo delle sentenze, il moralismo delle argomentazioni, addirittura i viaggi nell’animo umano, sono il segno di un terrificante imbastardimento culturale. Chi scrive certe cose pensa d’essere il giudice supremo, non la toga che applica il diritto. E se i tanti magistrati che fanno con correttezza il loro lavoro riescono, in qualche modo, a evitare che il treno giudiziario deragli del tutto, nessuno di loro è in grado di fermare l’effetto devastante di un degenere filone letterario: il motivazionismo.

Leggete quel che si trova scritto in un atto, destinato all’applicazione degli arresti domiciliari, nel mentre il cittadino (costituzionalmente innocente) si trova ancora in galera: “ha iniziato a prendere coscienza dei danni causati e, nonostante l"inizio di tale percorso di ripensamento della propria condotta non sia ancora approdato ad una conclamata resipiscenza …”. Ma chi crede di essere, l’estensore di queste righe? Forse avrebbero potuto prenderlo alla santa inquisizione, benché lì la selezione fosse più severa e si richiedeva anche maggiore proprietà di linguaggio. Nessuna sentenza, mai, può porsi il tema della “conclamata resipiscienza”. Questo caso (molto noto, ma è del tutto ininfluente il cittadino cui si riferisce) non è affatto isolato, dilagando l’abitudine di mettere nelle motivazioni degli atti considerazioni del tutto estranee al mondo della legge e del diritto.

Conosco l’obiezione polemica: allora aboliamo le motivazioni, previste dalla Costituzione. L’idea che non solo le sentenze, ma tutti gli atti giudiziari e tutti i provvedimenti limitativi di quale che sia libertà personale, debbano essere “motivati” ha un senso preciso: non possono essere arbitrari. Motivare significa esplicitare in base a quale legge si ritiene di procedere in quel modo. Tanto che, nella Costituzione, lo si prevede quale premessa del possibile ricorso avverso il provvedimento: tu mi dici in base a quel circostanza e legge mi sequestri dei beni, o mi apri la posta e io ricorro spiegando perché ti sei sbagliato e sto subendo un’ingiustizia. La Costituzione (articolo 111) prevede anche che siano motivate le sentenze. In altri sistemi questo non è necessario. Negli Usa, ad esempio, è escluso: colpevole o innocente. Punto. E’ la logica conseguenza dell’accusatorio puro (il nostro è bastardo assai). Anche in questo caso, però, l’obbligo di motivare si lega al diritto di ricorrere. Della serie: ti abbiamo considerato colpevole di omicidio perché il morto è stato ammazzato a coltellate e sul coltello c’erano le impronte della tua mano destra. Ricorso: i giudici hanno preso un granchio, perché sono monco della mano destra. Serve a questo e così devono essere scritte.

Invece si scorrazza, per centinaia di pagine, nel sociologismo per nullatenenti culturali, nel psicologismo per freudiani affetti da turbe della personalità, nell’intimismo sentimentale per anoressici che mai divorerebbero un codice. E queste pagine di ridicola drammaturgia finiscono poi nelle mani di un’altra categoria ove l’analfabetismo è preludio di compitazione: i giornalisti. Da qui parte il rimbalzo del copia e incolla, non a caso due attività manuali. E gli stessi cui mai un editore avrebbe pubblicato le stucchevoli poesie (se non a spese del poeta togato), si ritrovano sulle prime pagine, in un lirico delirio d’onnipotenza. Da qui svolgono il più diseducativo dei ruoli: fulgido esempio per i colleghi.

Questa roba va stroncata. Le motivazioni sono funzionali all’atto giudiziario e alle sentenze, servendo a tutela del cittadino che ne è colpito, talché possa ricorrere e vederli annullati. Non sono un modo per portare al rogo la sua presunta personalità, i suoi pensieri, i suoi desideri. Il rimedio sarebbe dovuta essere la cassazione. Basta leggerne molti atti per rendersi conto che i presunti medici sono portatori del medesimo morbo. Alla fine è proprio la Costituzione a uscirne massacrata: gli atti non sono solo arbitrari, ma già che ci sono divengono anche offensivi. Questa roba va stroncata.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario