ultimora
Public Policy

Dilemmi bulgari sul nome della moneta unica

EURO, EVRO, EIRO, EWRO

Alla Bce l’ardua decisione. Anche in Italia la questione plurale-singolare fa riflettere

di Antonio Gesualdi - 04 dicembre 2006

Euro, Evro, Eiro o Ewro: i bulgari non riescono a decidersi perché hanno serie difficoltà a tradurre la parola "euro". L"alfabeto cirillico, infatti, non conosce la "u" e questa diventa automaticamente una "v". Nel trattato di adesione del 25 aprile 2005 i bulgari, in effetti, hanno tradotto "evro". Dunque la Banca Centrale Europea risolverà il dilemma bulgaro e si deciderà a stampare sulle nuove banconote anche la parola "evro"?
La rivendicazione, tra l"altro, non è nuova perché anche la Lettonia, la Lituania, l"Ungheria e la Slovenia, e pure Malta avevano chiesto una deroga al Consiglio Europeo per adattare la trascrizione. Alcuni si sono arresi, ma la Lettonia, ad esempio, continua nella rivendicazione e il Parlamento ha deciso che sui biglietti deve essere scritto "eiro". Deciderà la Corte di Giustizia europea.
Anche gli italiani, nel loro piccolo, continuano a combattere sul plurale: si dice 2 "euro" oppure 2 "euri"? All"Accademia della Crusca dopo anni di dibattito si sarebbero accordati sul plurale-singolare: si dice 2 "euro". Ma c"è anche chi non si arrende e sostiene che Boccaccio scriveva già "euri"; "ragioni moventi quelle farò palesi; onde i soffianti euri e i tumultuosi mutamenti dell"acque...". E anche Colonna, Monti, Foscolo, Carducci hanno usato la parola "euri". Ma questi euri erano riferiti al vento, agli "zefiri". Insomma, in un mondo dove l"adorazione della moneta ha sostituito l"adorazione di Dio, resta lo stesso problema perché dire "dii" e dire "euri" ha anche qualche significato pratico. L"euro singolare è monoteista, mentre gli euri plurali sono segno di laicità. Del resto anche chiamare tanti Antonio o Luigi o Enrico al singolare appare troppo omologante. Non è che uno, siccome ha lo stesso nome di un altro, lo si possa confondere: meglio i "Franchi", gli "Ernesti" che gli "Aldo", gli "Ernesto", no?
Comunque sia, in Europa, i francesi sono autorizzati a dire "les euros", gli spagnoli dicono "los euros" e i finlandesi dicono "eurot". Gli italiani fanno come gli pare. In Olanda la questione è ancora più seria: il Sole 24 Ore di qualche giorno fa ci ha raccontato la disavventura di un italiano che, non sapendolo, ha cercato di spendere normalmente una banconota da 500 euro. Nessuno se la prende. Il malcapitato è andato in un sede dell"Abn Amro ed è stato ripetutamente maltrattato perché la banconota non viene accettata neppure dalle banche. L"unica possibilità di spendere una banconota da 500 euri in Olanda è di farsela cambiare da un cambia-valute pagando il 4% per il servizio. Altro che Lettonia e Bulgaria!
Agli Stati Uniti d"Europa, come si vede anche da qualche aneddoto, manca ancora molto.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario