ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Esteri fuori da polemiche interne!

Pericoloso fare del tema una sceneggiata

Esteri fuori da polemiche interne!

Si dovrebbe aprire un dibattito parlamentare per valorizzare le posizioni compatibili

di Davide Giacalone - 11 settembre 2006

Il tema della politica estera non può essere declassato a materia di polemiche interne al governo, perché sono in gioco interessi di tutti ed il ruolo dell’Italia. Sulla finanziaria si divertano pure a fare il gioco dei quattro cantoni, con alcuni che sostengono il rigore e la serietà, altri lo sviluppo e la socialità, tanto, alla fine, un accordo lo si può sempre trovare. Non ci sarà la riforma delle pensioni, neanche le “tracce” di cui parlava Bersani? Si dirà che è un impegno imprescindibile, solo posposto di qualche settimana. L’entità passerà da 35 miliardi a meno di 30? Suvvia, quel che conta è la direzione di marcia. Riformatori e conservatori sosterranno entrambe di avere vinto? Sarà vero, infatti resteranno assieme al governo. Ma è pericoloso piegare la politica estera a queste sceneggiate.
Un attentato ha colpito i nostri soldati in Afghanistan, fortunatamente senza danni gravi. Poco più lontano dei soldati statunitensi morivano. Ritiriamoci, dicono alcuni, perché in quel Paese siamo truppe d’occupazione. Diliberto aggiunge: mica è obbligatorio stare ad ascoltare l’Onu. Parisi, Rutelli, Fassino, sostengono il contrario, e giustamente. Ricordano che arrendersi significa restituire il potere ai talebani. Parisi ribadisce che non ce ne andiamo da dove stiamo lavorando per la pace. Bene. Ma le due posizioni sono inconciliabili, e la distanza non può essere pagata dalle casse dello Stato, perché attiene a due visioni contrapposte del nostro posto nel mondo. Il tutto avviene nel mentre arrivano i nostri militari in Libano, trovandosi in una situazione attualmente calma, ma potenzialmente assai più pericolosa di quella afgana. Ed è questo il rischio mortale, perché l’impressione di potere lavorare su divisioni politiche interne aiuta a calibrare il mirino dei terroristi. Se, poi, si pensa di mitigare questo rischio strizzando l’occhio agli iraniani, ovvero ai mandanti ed ai finanziatori dell’attacco frontale al nostro mondo, allora vuol dire che si è superata la linea dell’azzardo e si scommette tutto su variabili che non controlliamo.
Su questo dovrebbe chiedersi un dibattito parlamentare, nel corso del quale valorizzare le posizioni compatibili, anche se distribuite fra i due schieramenti, e combattere quelle nocive per i nostri interessi ed ideali.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato su Libero dell"11 settembre 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario