ultimora
Public Policy

Non basta riformare la giustizia

Errori madornali

Come si può giungere ad essere procuratori senza possedere i basilari?

di Davide Giacalone - 18 marzo 2011

Copiando e modificando il disegno della bilancia squilibrata, usato da Silvio Berlusconi, il procuratore aggiunto di Bergamo, Massimo Meroni, ha commesso due errori madornali. Di quelli che dovrebbero interdire non tanto l’accesso ad uffici così delicati, ma direttamente la laurea in giurisprudenza. Dato che la conferenza stampa, da lui convocata, aveva ad oggetto le indagini sulla morte di una ragazza, e dato che dette indagini brancolano nel buio, sicché altro non c’era da comunicare se non il vuoto assoluto, ne deriva che i giornalisti sono stati riuniti appositamente perché vedessero quel disegno. Che non esito a definire: osceno.

Primo errore madornale. Il signor procuratore mette su un piatto il presunto assassino e sull’altro il pubblico ministero e la vittima. Per chiarire quanto sconosca i rudimenti del diritto, aggiunge: “il pm non rappresenta se stesso ma la collettività”. Neanche per idea! Il pm è un organo dello Stato, incaricato di esercitare l’azione penale (articolo 112 della Costituzione, questa sconosciuta).

Se rappresentasse la collettività, che ci starebbe a fare il giudice? E che ci starebbe a fare l’avvocato difensore, il socio del criminale? Il fatto è che il signor procuratore usa categorie del tutto sbagliate, più adatte alla santa inquisizione che non al nostro diritto, difatti la giustizia s’amministra in nome del popolo, ma nessuno lo rappresenta, in aula: il pm incarna la volontà punitiva dello Stato, il difensore il diritto a difendersi davanti ad un giudice terzo e quest’ultimo, autonomamente, forma un suo libero convincimento ed emette sentenza. In nome del popolo italiano, tutelato dal meccanismo. In quanto alla vittima, neanche quella è rappresentata dal pm, quindi l’idea di mettersi nel suo stesso piatto è abominevole. Il procuratore che dice: “la magistratura che rappresenta Yara”, è in stato confusionale. Tanto è vero che nella fase successiva, processuale, la vittima, o chi ne ha titolo, può costituirsi parte civile (che non è l’aiutante del pm).

Secondo errore madornale. Al buon Meroni preme che il peso del pm sia maggiore di quello del cittadino presunto criminale, e così disegnando dimostra quanto gli sia sfuggita la forma e la sostanza del problema. Il cittadino presunto criminale, secondo la nostra Costituzione e secondo un paio di non secondari trattati internazionali, è un presunto innocente. Capisco che durante gli studi il Meroni disegnava, ma s’è distratto un po’ troppo. Nonostante il cittadino sia un presunto innocente, nel corso delle indagini preliminari la forza della procura sarà sempre, sproporzionatamente maggiore della sua.

La procura ha mezzi, personale, il potere di chiedere intercettazioni, indagini, perquisizioni e arresti. Il cittadino è nudo. Non c’è modo che le cose cambino, sarà sempre così. Ma è al passaggio successivo che la bilancia deve tornare in equilibrio: davanti ad un giudice terzo accusa e difesa devono essere sullo stesso piano, con pari poteri, con la prova che si forma in aula. Per questo i due (accusa e giudice) non devono essere colleghi, come non lo sono in nessun Paese civile del mondo.

Sono scandalizzato dal fatto che si possa giungere ad essere procuratori senza possedere i basilari, che si possa avere il potere che quel signore ha, pensandosi “rappresentante della collettività”, supponendo che (in democrazia) lo si diventi per concorso. Ciò la dice lunga su come è stato selezionato il personale, così come dimostra la bancarotta delle cattedre, che mai e poi mai avrebbero dovuto far passare una roba simile. Ciò, infine, dice che non basta riformare la giustizia, perché si dovrà attendere che a darle vita, quotidianamente, siano donne e uomini culturalmente attrezzati.

Pubblicato da Libero

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario