ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Due torti nell’Italia di sempre

Le amnesie di Prodi e Tronchetti Provera

Due torti nell’Italia di sempre

Telecom un anno dopo: continuano le vicende complottiste nel Paese dei furbetti

di Davide Giacalone - 17 settembre 2007

Due torti non fanno una ragione, semmai producono un danno più grande. Prodi e Tronchetti Provera sono interpreti di due torti, che descrivemmo. Ora è all’opera la chirurgia plastica. Il governo intervenne per impedire le trattative con soggetti stranieri e per indicare una soluzione industriale utile solo a mettere un imprenditore privato al guinzaglio della politica. Ingerenze inaccettabili. Tronchetti Provera guidava Telecom Italia senza una strategia apprezzabile, parlava di possibili alleanze che esistevano solo in teoria, aveva chiamato uomini di sua personale fiducia, poi scoperti ad occuparsi degli affari altrui, ed anche miei (e nostri, di Libero). Spettacolo disdicevole. Quando Tronchetti prese atto che gli errori suoi e le pressioni altrui rendevano impossibile proseguire l’avventura, e dopo avere abbondantemente spazzolato i risparmiatori, l’uscita gli fu consentita dall’ingresso delle banche, ad un prezzo niente affatto punitivo. Nel frattempo egli restava nel sindacato del Corriere della Sera, cuore residuo del potere italiano. Se era un complotto, non era all’ultimo sangue.

Un anno dopo la vicenda giudiziaria è ancora un’inchiesta e gli indagati sono stati a lungo in galera, ma da presunti innocenti. Il dubbio circa il coinvolgimento o la deficienza dei loro capi sarà sciolto, forse, nei prossimi quindici anni. Le banche hanno di fatto venduto Telecom agli spagnoli, nel silenzio dei tanti che sugli stranieri avevano da ridire. Se l’operazione non sé conclusa è solo perché si attende il parere dell’autorità. Brasiliana, però. In quel Paese i ministri dell’epoca sono sotto inchiesta per corruzione e riciclaggio, mentre sulle storie che ho raccontato nessuno ha ancora chiesto chiarimenti ai protagonisti. Siamo gente discreta. Un anno fa il governo voleva togliere la rete a Telecom, adesso s’appresta a darle anche quella WiMax. E, come consueto, chi deve incassare i soldi continua ad annunciare la chiusura di vendite che non si concludono, con la Consob che non si sente chiamata in causa. Rovati rilascia interviste sull’omonimo piano. Tronchetti va a feste e compleanni. L’Italia resta quella che non ci piace: furbetta, codarda, annegata nei retroscena e complottista, egoista, sciatta e priva di pubblica autorevolezza. Ma più vecchia, di almeno un anno.

Pubblicato su Libero di lunedì 17 settembre

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario