ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Donna uccisa in metro da un pugno

Storia di ordinaria follia

Donna uccisa in metro da un pugno

Il sorriso beffardo nel mondo alla rovescia

di Paola Nania - 19 ottobre 2010

Soloni e censori non ci sono mai piaciuti troppo. Ma quel sorriso beffardo merita due parole. Il sorriso in questione è quello di Alessio Burtone, il ragazzo che ha ucciso con un pugno una donna - romena (dato non irrilevante nella storia) - dopo uno stupido battibecco nella metropolitana romana di Anagnina.

Quel sorriso, fermato da uno scatto fotografico mentre i carabinieri lo portano in carcere, potrebbe essere casuale o dettato dal nervosismo ma colpisce ugualmente. Che c’entra quel ghigno? Che c’entrano 200 persone accalcate là davanti che esaltano l’uno (“Alessio uno di noi!” “Anch’io avrei fatto lo stesso…”) e insultano l’altra (“Tutto pe’ ‘na putt… romena!” “Quella cercava ogni pretesto per litigare…”)? E quel sorrisino fastidioso era forse di compiacimento per una folla impazzita, completamente schierata dalla sua parte?

Il mondo alla rovescia ci lascia senza parole. Perché la vittima (romena) diventa quasi responsabile: in qualche modo ha provocato, insultato, spinto per prima. E se anche fosse? Il dato, sfortunato o meno, è che un giovane romano di 20 anni le ha tirato un pugno, uccidendola. Si chiama omicidio preterintenzionale: si ammazza senza avere intenzione di farlo, come conseguenza di un’altra azione. C’è poco da parlare, insultare, insinuare. I fatti sono questi…Eppure quelle duecento persone seguono un’altra logica che ci sembra folle, aggressiva e razzista.

Senza parole, dunque. Ancora di più davanti al ghigno che ci ha portato a scrivere, buttato lì da un tizio che si dice pentito, amplificato dalle pagine dei quotidiani. Un ghigno messo lì quasi a “sfottere”, a dirci che le cose – nel mondo alla rovescia – stanno in un altro modo.

Se la vittima fosse stata italiana e il responsabile romeno avremmo assistito a scene molto diverse. Ma questa è una storia che abbiamo già visto.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario