ultimora
Public Policy

L’accordo sul contratto del pubblico impiego

Dipendenti pubblici? Che noia!

Sugli statali si scaglia la maledizione bipolare per cui si vota sempre e non si decide mai

di Davide Giacalone - 11 aprile 2007

Il contratto per il pubblico impiego è stato rinnovato, gli aumenti di stipendio sono stati concessi, ma niente altro è cambiato e le tante chiacchiere sulla produttività sono rimaste tali. Se il problema fosse solo il governo Prodi e la sua condotta non ci resterebbe che aggiungere un ulteriore motivo a quelli che ce ne fanno auspicare la crisi. Ma non è così.

Dal 2001 al 2005, governante il centro destra, la retribuzione dei dipendenti pubblici è aumentata, mediamente, del 4,1%, mentre nel settore industriale i salari sono cresciuti del 2,7 e nei servizi del 2,1. A fronte di questi aumenti, che sono, naturalmente, anche aumenti della spesa pubblica, non si è registrato alcun miglioramento, o anche solo l’introduzione di un qualche criterio di diversa valutazione. In altre parole, i due governi, formalmente contrapposti, si comportano nello stesso modo. La ragione, se si vuole, è banale: il nostro è un Paese dove si vota sempre e non si governa mai.

I dati citati possono far credere ad un privilegio in capo ai dipendenti pubblici. Non è così. Il privilegio c’è, ma riguarda quanti approfittano dell’inefficienza per lavorare poco, magari niente, facendo crescere le malattie e sommandole alle ferie. Il privilegio relativo ai mancati controlli, insomma, è tale solo per i lavativi. Che non sono pochi. Ma poi ci sono quelli che lavorano, e che sono la maggioranza, i quali continuano ad essere sottopagati. Pensate ad un insegnante che fa il suo dovere, pensate ad un infermiere che passa la giornata in corsia, ed avrete pensato a figure professionali di alto livello con retribuzioni di scarsa consistenza. Se la politica avesse capacità del proprio ruolo dovrebbe far leva su questi ultimi per punire i primi, così facendo crescere la produttività e liberando risorse con cui premiare i meritevoli. Ma per una politica incapace di entrare all’interno delle realtà lavorative è più facile pagare il consenso e l’omertà un tanto al chilo, perpetrando il mito mendace dei derelitti salvati con il posto fisso. Così procedendo, però, i falsi derelitti stanno creando un esercito di schiavi destinati a pagare i debiti del presente e del passato, composto dai propri stessi figli.

Così procedendo, inoltre, si crea un’irresponsabilità di massa, e quando i nodi verranno al pettine né l’impiegato che presta servizio al bar né l’assistente di volo Alitalia con certificato medico incorporato si sentiranno colpevoli di nulla, ma tutti saranno pronti a prendersela con il “sistema” (che non si sa cosa sia) e con chi ci governa (che tanto fa lo stesso del predecessore e del successore). In quel contratto degli statali c’è, insomma, il dna di un Paese che scivola giù, ma crede d’essere al parco giochi. www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario