ultimora
Public Policy

I moralisti un tanto al chilo

Dimissioni, non proprio al volo

Capecchi si è dimesso perché colto in flagrante. Degli applausi non si capisce il motivo

di Davide Giacalone - 20 settembre 2007

Riccardo Capecchi prestava la propria collaborazione presso la presidenza del Consiglio. Ha dato le dimissioni e la cosa appare così originale ed isolata da procurargli non pochi applausi. Ancora una volta mi trovo in totale dissonanza con il comune sentire dei tanti moralisti un tanto al chilo.

Capecchi non si è dimesso quando ha visto le proprie foto sull’Espresso, quando riesaminando il proprio abito ed il proprio bagaglio di quel giorno, nell’atto d’imbarcarsi su un volo di Stato, s’è ricordato che tutto lasciava intendere un viaggio non esattamente per motivi di lavoro. Aggiungo, comunque, che la sua presenza non aggravava di un solo euro la spesa pubblica, e che l’abitudine di dare passaggi su quegli aerei è consolidata da anni e riguarda tutti i governi. Ma torniamo a Capecchi: l’insopprimibile esigenza morale di non arrecare danno alle istituzioni è insorta solo quando Dagospia ha dato un nome a quel signore. Solo allora. Non sono molto esperto delle regole che i giovani lupetti si danno, ma tenderei ad escludere che s’insegni a fare le buone cose solo se tanati a farne di cattive. Ed è sbalorditivo che qualcuno veda in tale condotta qualche cosa d’ammirevole.

Ma non basta: il vice presidente del Consiglio, Rutelli, titolare di quella trasferta, ha voluto far sapere che all’imbarco il Capecchi s’è presentato di sua iniziativa e per nulla invitato. Fossi stato in Rutelli gli avrei dato il passaggio, come lui ha fatto, perché, lo ripeto, non costava nulla far quella cortesia. Ma le dimissioni successive alla scoperta sono un’ammissione di colpa che suona attribuzione di responsabilità. Capecchi, insomma, lungi dall’essere un eroe della moralità è un gigante dell’ingratitudine.

Su quella giornata di voli, con destinazione gran premio di formula uno, la Corte dei Conti dice di volerci vedere chiaro. Ricordo a quei giudici, non famosi per la vista nitida e la ragionevole celerità dell’azione, quel che ho già scritto: sarebbe interessante indagare due cose: a. le modalità d’autorizzazione di quei voli; b. le modalità e la tempistica di rimborso dell’Aeronautica Militare. Già, perché se si scoprisse quel che temo, ovvero che i militari ci rimettono, la faccenda sarebbe assai più seria e dolorosa. Posto che, al momento, l’unica cosa che sembra dolere ai protagonisti è l’essere stati fotografati.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario