ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Dal commercio all’integrazione

Sistema produttivo poco integrato con l’estero

Dal commercio all’integrazione

Il made in Italy paga la timidezza imprenditoriale e la latitanza della politica

di Paolo Bozzacchi - 28 ottobre 2005

Parola magica: internazionalizzazione. D’accordo, ma come? La sfida della globalizzazione costringe le imprese del nostro paese a crescere, ma non ha nessuna chance di essere vinta se non si migliorerà l’integrazione del sistema produttivo italiano a livello internazionale.

Il made in Italy ha raccolto i ripetuti inviti di Luca Corsero di Montezemolo e capito che deve conquistare i mercati globali per sopravvivere, ma spesso dalla politica e dagli imprenditori stessi vengono ancora commessi errori strategici che penalizzano l’intero sistema.

Il messaggio che è arrivato alle numerosissime piccole e medie imprese è che molti problemi congiunturali possano essere risolti delocalizzando. E qui sta il primo grosso limite, essenzialmente culturale: oggi per competere non basta più spostare la produzione in modo che aumentino i profitti e diminuiscano gli alti costi del lavoro. Occorre guardare più avanti, e cercare necessariamente di andare a produrre in quei mercati che possono rappresentare uno sbocco importante per i prodotti italiani.

Il secondo limite riguarda anche i grandi gruppi, i cosiddetti campioni nazionali, ed è legato alla mentalità aziendale italiana, spesso troppo accorta. Lo dimostra la tipologia prevalentemente “brownfield” degli investimenti diretti esteri (Ide) italiani. In parole povere gli imprenditori non hanno abbastanza coraggio per partire da zero da soli e andare all’estero (investimenti “greenfield”); preferiscono creare delle partnership, rilevare delle quote fuori confine, e operare in modo meno rischioso.

Senza contare la latitanza della politica, che non guarda più in là del naso e non incentiva a dovere la realizzazione all’estero di investimenti produttivi, in grado di creare, soprattutto, dei veri e propri presidi su quote di mercato locali.

Il modello di export italiano sarebbe quindi completamente da rovesciare. Finora ha previsto l’esportazione di macchinari ai paesi emergenti, che li utilizzano per realizzare prodotti da distribuire nei paesi avanzati. Un vero e proprio gatto che si morde la coda. Occorre seguire, invece, esempi virtuosi, come quello della Perfetti Van Melle, azienda dolciaria. Andando a produrre in India, non solo ha modificato il gusto delle proprie caramelle per il palato degli indiani, ma ha anche deciso di vendere i propri dolci sfusi, e non in pacchetto, per venire incontro alle povere tasche locali. Risultato? Dopo un’iniziale sofferenza ha ottenuto in pochi anni ben il 30% del mercato locale, demograficamente il più promettente al mondo.

Internazionalizzazione, quindi, non è una brutta parola. E nemmeno uno stabilimento in Cina.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario