ultimora
Public Policy

Se l’interlocutore dei Paesi liberi è Hamas

D’Alema non prende posizione?

L’essere equivicini agli israeliani e ai palestinesi è semplicemente privo di senso

di Davide Giacalone - 27 giugno 2006

I problemi seri non li si aggira con i giochi di parole, non porta lontano inventare, come ha fatto D’Alema, l’essere “equivicini”, solo perché “equidistanti” sembra meno politicamente corretto. Il dramma palestinese richiede scelte politiche, indicazioni precise, parole coraggiose, altrimenti si è solo equiassenti, od equinutili. Come lungamente è stata l’Europa.
Il popolo palestinese paga un prezzo altissimo all’essere divenuto ostaggio della politica antisraeliana. Non ci sono solo gli iraniani a chiedere la cancellazione di Israele, e la mancata soluzione del problema palestinese è lo strumento di una guerra continua, quindi di una continua minaccia. La storia è lunga, ma da quando Sharon decise e praticò il ritiro unilaterale dai territori occupati la comunità internazionale ha la concreta possibilità di vedere fiorire la pace, e con questa nascere uno Stato palestinese. Ad una condizione: che non sia messa in discussione la sicurezza d’Israele, dei suoi confini e del suo popolo. Ed è contro questo che si armano le milizie nemiche di ogni pace, finanziate e sostenute da chi non rinuncia all’uso di quella minaccia. Quindi, l’essere equivicini ad israeliani e palestinesi è semplicemente privo di senso, perché il problema è capire se si concede spazio a chi è contro la pace od a chi la vuole.
Dalla striscia di Gaza è partito l’ennesiomo commando terrorista che ha seminato morte in Israele. L’obiettivo colpito è un gruppo di militari, ma il destinatario del messaggio politico è Hamas, che per lunghi anni ha predicato e praticato il terrorismo, che ora, avendo vinto le elezioni, ha l’occasione di governare il processo di pace. Chi vuole mantenere Hamas sul terreno della guerra e della morte oggi uccide gli israleliani. E’ a questa fazione di Hamas che deve rivolgersi la politica estera dei paesi liberi, dicendo con chiarezza che non troverà mai una sponda di dialogo, mai un riconoscimento, mai una copertura. E dicendo ai palestinesi che la pace è possibile, al tacere delle armi. Mettere sullo stesso piano tutte le parti, non distinguere fra le fazioni interne al mondo palestinese, renderebbe la nostra politica estera un prodotto inutile. Sempre che una politica estera ci sia, a mollo nel brodino insipido di “equivicinanze” inventate per bilanciare la permanenza in Afghanistan.

www.davidegiacalone.it

Pubblicato su Libero del 27 giugno 2006

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario