ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Cuba e la fine del Lìder Màximo (1)

Castro morirà al potere, al contrario di Pinochet

Cuba e la fine del Lìder Màximo

I cubani protestare inutilmente contro la dittatura, ma la sinistra continua a sostenerlo

di Davide Giacalone - 08 febbraio 2006

Non teme il ridicolo, Fidel Castro, dopo aver praticato a lungo l’orrido. La missione diplomatica statunitense, a Cuba, ha affisso, sulla facciata del palazzo dove ha sede, un pannello elettronico dove scorre una striscia d’informazione. Poca cosa, pochi contenuti, visibili solo dai passanti. Ma già è troppo per il despota, che ha fatto circondare il palazzo da bandiere, in modo che il pannello non sia più visibile. Una ripicchetta da bambino, segno senile di una dittatura che sopravvive a se stessa.

A Cuba Guillermo Fariñas, direttore di una piccola agenzia, la Cubanacan press, fa lo sciopero della fame, reclamando il diritto di potere accedere ad internet, di potere collegarsi alla rete. Nulla di più, ma già troppo per l’oppressore che ha riempito le galere di dissidenti, di religiosi, di omosessuali che hanno la colpa di essere tali, che ha fatto fucilare dei ragazzi rei di volere scappare da Cuba, da questo torrido ed agghiacciante paradiso caraibico.

Tutto questo non ha il pregio della novità, pertanto non viene neanche considerato una notizia. Ma io credo sia ancora una notizia il fatto che nel nostro libero mondo in tanti guardano con benevolenza a Fidel Castro, alla sua retorica guerrigliera, alla sua oratoria torrenziale, al suo continuo richiamo alla rivoluzione. E credo che tanta superficiale incapacità di condannare derivi dall’ignoranza, dal luogocomunismo, dalla difficoltà di identificare come sinonimi “comunismo” e “dittatura” (e sinonimo lo sono e lo sono stai, sempre ed ovunque, senza mai una sola, dicasi una sola eccezione). Ma deriva anche da un pregiudizio antiamericano, che identifica nel barbuto macellaio una sorta di resistente contro lo strapotere a stelle e strisce.

Come si può, altrimenti, spiegare diversamente la condanna della dittatura cilena, senza attenuanti, e le spallucce che s’alzano davanti a quella cubana? Anche a dispetto del fatto che Pinochet lasciò il potere ed oggi il Cile è una democrazia, mentre Castro al potere ci morirà, dopo aver costretto il Paese a vivere, con lui e di lui, una lunga agonia.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario