ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Cose turche, un alto grado di civiltà

L’ingresso della Turchia nell’Unione Europea

Cose turche, un alto grado di civiltà

Un Paese islamico che prosegue il cammino verso la democrazia. Occorre abbattere i pregiudizi

di Davide Giacalone - 27 novembre 2006

Se l’Unione Europea fosse simile a quel che gli europeisti democratici immaginarono, sarebbe difficile ipotizzare un ingresso della Turchia. Essendo rimasto un animale misto, senza cuore politico, senza governo, con una moneta ma senza politica economica, essendosi espansa al di là dei limiti della omogeneità e della somiglianza, oggi sarebbe saggio accogliere i turchi, perché sarebbe una scelta di apertura verso un Paese islamico che non ha nessuna delle caratteristiche detestabili dell’islamismo fondamentalista. Lo stesso capo del governo, Recep Tayyp Erdogan, è leader di un partito islamico moderato, e non è un buon modo di dargli una mano quello di far vedere che i suoi amici europei, quelli nei confronti dei quali è accusato di essere troppo tenero, gli sbattono la porta in faccia.
Di questo problema europeo risentirà la visita di Ratzinger in Turchia, anche perché su questo tema egli ha commesso un errore. L’errore non è la lezione di Ratisbona, con le esecrabili reazioni che ha suscitato nel mondo islamico, bensì uno più antico, quando ancora era cardinale e volle sostenere l’inopportunità dell’ingresso turco nell’Unione. Doppio errore: perché il Vaticano neanche fa parte dell’Unione; perché tradiva un’idea d’Europa quale comunità religiosa di eguali, che è la ricetta perfetta per consegnare il mondo islamico nelle mani degli estremisti e cancellare parte rilevante della nostra storia.
La Turchia è un Paese civile, con problemi aperti ed un estremismo visibilissimo, ma che rimane un avamposto sensibile della Nato. E’ un Paese evoluto, dove le donne circolano liberamente e vestite come pare a loro, e dove professare la religione cristiana, o altre, non comporta una sfida mortale. E’ un Paese islamico cui tendere la mano perché sia l’esempio da seguire e non l’eccezione da cancellare. Questo grida la saggezza politica, ed ai burocrati che smanacciano il dossier turco, a quanti pongono pur fondati problemi relativi al rispetto dei diritti umani, vorrei far notare che, come noi, la Turchia è membro del Consiglio d’Europa, con la differenza che noi italiani siamo i più condannati perché la nostra è una giustizia incivile. E’ giusto seguire le cose turche, vigilando a che non s’interrompa il cammino del diritti, ma senza dimenticare i problemi di casa nostra.

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario