ultimora
Public Policy

Facendo seguito al viaggio di Prodi in Cina

Cosa ne pensa Emma Bonino?

Il rischio è partire parlando di diritti umani, ma poi collaborare nella loro violazione

di Davide Giacalone - 14 settembre 2006

La Cina ed i diritti umani, Emma Bonino ed il governo. Ho letto alcune cose non molto centrate, su questo tema. Ho letto, ad esempio, che la Bonino sarebbe più che giustificata, dato che con i cinesi parlò anche Nixon. Non so che effetto le faccia essere paragonata a quel grande presidente (che chiuse la piaga del Viet Nam, aperta dall’assai più celebrato Kennedy), ma non lo vedo pertinente, dato che allora esisteva l’Unione Sovietica ed il dialogo serviva anche a dividere il blocco comunista. Qui la questione è più circoscritta.
Emma Bonino si è a lungo battuta per i diritti umani, e nulla autorizza a pensare che abbia cambiato opinione. Mentre, al contrario, il ruolo governativo che oggi ricopre la obbliga a cambiare linguaggio. Ho scritto e ritengo che Hezbollah abbiano agito quali mercenari al soldo degli iraniani, che sono pericolosissimi, ma se mi fanno fare, domani, il ministro degli esteri non è che me lo rimangio, certo non posso non tenere conto che gli interessi che rappresento non sono solo quelli del mio libero pensiero. Detto ciò, si deve anche mettere nel conto che la Bonino si occupa di commercio estero e che, adesso, è in Cina con una delegazione governativa piuttosto affollata da imprenditori. Sono in Cina, insomma, a far affari. Il che va benissimo, perché un governo lavora anche per gli affari dei propri imprenditori. Capita, però, che il presidente del Consiglio rivendichi l’assoluta continuità con il suo precedente viaggio, di dieci anni fa, e si muova sulla scia del viaggio del Presidente Ciampi. Due viaggi che criticai, ed anche la Bonino non applaudì, per la drammatica assenza di ogni riferimento alle libertà individuali. Il punto, dunque, non è che sia la richiesta al ministro Bonino di trattare solo con governanti illuminati e democratici, ma è disdicevole che la sua presenza nel Consiglio dei ministri non abbia significato alcun cambio nella posizione italiana. (L’essere accolti con Bella Ciao, poi, lo trovo orribilmente grottesco).
Il battersi per i diritti umani è sempre e comunque giusto, sebbene nelle forme e nei modi ogni volta convenienti. Porre ai cinesi il problema delle libertà di mercato, ivi compresa la libertà sindacale, non solo è giusto, ma è assai conveniente. Con quel gigante non è possibile competere se il suo mercato interno continuerà ad essere una somma di dittatura ed esaltazione del profitto. Sarebbe come gareggiare contro atleti tutti drogati, senza che ci si possa permettere di esaminarne le urine. Dal che deriva che un qualche maggiore attivismo, su questo fronte, rientra non solo fra i doveri morali e politici, ma anche in quelli d’ufficio dell’intero governo, e del ministro Bonino.
Infine, vorrei osservare che se è ben vero che i cinesi si comportano, al loro interno, un po’ da “napoletani”, nel senso che puntano al sodo senza codificare i comportamenti, non per questo appare saggio presentarsi con una compagnia degna di un convegno imprenditoriale caprese. Quelli sono dei maghi nel far perdere tempo, ed un governo che voglia favorire gli affari si presenta con cinque, sei, sette imprese, per dire: si può discutere di tutto, ma questi li fate entrare nel vostro mercato interno, dove c’è un numero di ricchi sfondati che è apri all’intera popolazione italiana. Se, invece, ci si presenta in comitiva, allora vuol dire che si punta, più che altro, ad entrare in Cina per produrre con un basso costo dei fattori, vale a dire sfruttando la manodopera. E, alla fine, si rischia di partire parlando di diritti umani, e di arrivare a collaborare nella loro violazione.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario