ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Confindustria e l'alternativa politica

Dopo Capri, qualche riflessione

Confindustria e l'alternativa politica

I Giovani non vogliono un paese immobile.Ma dovrebbero dirlo ai loro padri

di Davide Giacalone - 09 ottobre 2006

I giovani confindustriali sono giovani, ed in quanto tali potrebbero fare uno sforzo di determinazione e sincerità. Dicono che a loro non piace questa legge finanziaria, così come non piace un Paese immobile, anchilosato, lontano dalla libertà che la competizione esige. Giusto. Datosi che abbaiare alla luna non produce molto, farebbero bene a presentare il conto anche ai loro padri, a mostrarsi critici anche nei confronti del loro mondo. Questa finanziaria, per esempio, non è il frutto degli estremismi sindacali rifondaroli, assolutamente no: è il prodotto di un sentimento politico, di un’idea di società, affronta (male) il tema della redistribuzione perché lo antepone a quello dello sviluppo. Non piace, e lo capisco, ma quale diversa idealità si mette in campo?

Molti citano, e spesso, Vicenza. Qui Berlusconi svelò quanto la “pancia” di Confindustria non fosse omogenea al sentire politico dell’originaria triade: Montezemolo, Tronchetti Provera, Della Valle. La si cita per dire che il mondo degli imprenditori non condivideva il palese appoggio elettorale al centrosinistra.

Ai giovani non si deve chiedere di tornare a Vicenza e reclamare un tardivo cambio di rotta, ma di mettere in luce che a quel trauma si poté arrivare perché da tempo l’imprenditoria non esprime una comune e forte idea d’Italia. Alla fine tutti navigano nel capitalismo relazionale, che poi è una forma di panstatalismo con partecipazione privata. Ed è questa la responsabilità che i giovani dovrebbero denunciare, dicendo che il problema italiano è in gran parte un problema di classe dirigente, di persone che abbiano, al tempo stesso, qualità e forza. E non dimenticando di dire che quel problema ce l’ha anche Confindustria.

Se così non fosse, lo ricordino, non potrebbe esistere neanche la povera e scialba politica che ogni giorno ci compare davanti agli occhi. Si crede esistano poteri forti, magari in conflitto, invece ci sono debolezze, quasi sempre in reciproco sostegno. E’ la conseguenza della chiusura, dell’idea che si possa conservare il piccolo mondo del benessere, il cui risvolto è la legge finanziaria, che punta a dividerlo in modo diverso. Le vedono, queste cose, i giovani? Se le vedono le dicano e ricordino che i grandi padri sperano di avere figli che non somiglino loro.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario