ultimora
Public Policy

Quali motivazioni spingono gli editors?

Come sputtanare Montanelli

Quando l'operazione editoriale prescinde da fattori storici o letterari…

di Giacomo Properzj - 13 novembre 2007

Quello che sarebbe interessante capire sono le ragioni che hanno portato la casa editrice Feltrinelli alla pubblicazione di “Passaggio in Svizzera. L"anno nascosto di Indro Montanelli” tentativo mal riuscito di denigrazione del famoso giornalista. La tesi di questo libro, mai esplicitamente dichiarata ma sempre sottintesa, sarebbe quella di spiegare che Montanelli, nel suo soggiorno in Svizzera, sia stato una spia dei tedeschi. La stessa tesi, nelle ultime righe del libro, è poi negata non senza passare, servendosi di una prosa inutilmente astiosa, attraverso l"analisi di lunghi rapporti della gendarmeria ticinese. D"altronde il libro non può nascondere la vera ragione per cui Montanelli fu liberato dal carcere di San Vittore che è quella per cui Aldo Crespi versò ai tedeschi mezzo milione di lire (di allora). Né il libro può negare che il misterioso personaggio Ostèria, tramite per la liberazione del giornalista, non fosse un “doppio giochista”, nella parte finale della guerra, a favore delle democrazie se, come è vero, Ferruccio Parri lo chiamò nel dopoguerra a creare il servizio informazioni della Presidenza del Consiglio.

Probabilmente le statue dorate e l"eccesso di parchi che il Sindaco Albertini ha voluto dedicare al grande giornalista hanno irritato i dirigenti della Feltrinelli (che per altro potranno rifarsi ampiamente con Enzo Biagi). Forse anche la speranza di un certo successo editoriale, che la prosa ticinese e l"eccesso di virgolettati probabilmente non favorirà, ha spinto gli editors a favorire l"edizione. Mi accorgo adesso di non ricordare più il nome dell"autrice ma non è molto importante perchè l"operazione editoriale prescinde da fattori storici o letterari.

Dal Riformista del 13 novembre 2007

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario