ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Chiamparino: quello che vince di più (1)

Un successo dalle tante e differenti cause

Chiamparino: quello che vince di più

A Torino, un candidato che non ha timore di dire quel che ritiene giusto e schiettamente

di Davide Giacalone - 30 maggio 2006

Nelle grandi città il sindaco che vince meglio la tornata amministrativa è Sergio Chiamparino, a Torino. Dopo avergli fatto i complimenti, vorrei osservare che la cosa non è priva di significato, per la sinistra e per la politica tutta.
Le cause della vittoria sono diverse, certamente influisce anche il successo dei giochi invernali, mentre non si può sostenere che l’avversario fosse puramente figurativo, visto che si tratta di chi ha fatto il ministro per cinque anni consecutivi. Fatto è, però, che in piena campagna elettorale, così come nei mesi che l’hanno preceduta, sul tema che maggiormente portava Torino ed il Piemonte sulle prime pagine dei giornali, Chiamparino non s’è nascosto, non ha fatto il cerchiobottista, ma ha detto chiaro e tondo che i lavori della Tav si devono fare e che le rivolte popolari in Val di Susa erano ingiustificate e non condivisibili. Il suo trionfo elettorale dimostra che il bipolarismo fatto della raccolta, da una parte e dall’altra, di tutto il raccattabile, il bipolarismo composto dalla sommatoria di tutto e di tutti, non è una condanna, ma solo il frutto di pochezza politica, e forse anche umana.
La sinistra trionfa non dove ha messo in campo un leader che cerca di andare d’accordo con tutti e tutti rappresentare, ma dove il candidato non ha timore a dire quel che ritiene giusto, anche se, così facendo, si aliena le simpatie di qualche gruppo d’arruffapopoli. Ed il trionfo sta ad indicare che il guadagno elettorale portato dalla chiarezza è superiore alla perdita per l’avere deluso gli estremisti.
So bene che si tratta solo di un comune, che le cose non sono così semplici, che giocano anche fattori campanilistici. Ma questo non toglie che quello è uno schema virtuoso, posto che, naturalmente, si poteva ben essere contrari all’elezione di Chiamparino. E’ uno schema che vale per la sinistra, ma vale anche per il centro destra, direi che si tratta di uno schema finalmente politico, e non di mera e strillata propaganda elettorale.

www.davidegiacalone.it

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario