ultimora
Public Policy
  • Home » 
  • Archivio » 
  • Chi farà le veci di Ponzio Pilato?

L’ennesima truffa nel Paese delle Authority

Chi farà le veci di Ponzio Pilato?

Il caso Eni: presunzione di innocenza a parte, i conti non tornano

di Davide Giacalone - 30 maggio 2007

La procura di Milano ipotizza una truffa nella misurazione del gas, raccoglie i dati di una lunga indagine compiuta dalla Guardia di Finanza ed invia degli avvisi di garanzia ai vertici delle aziende coinvolte. Non si dovrebbe drammatizzare e si faccia salva la presunzione d’innocenza. Ma ci sono conti che non tornano. L’Eni ha fatto sapere che chiarirà tutto, ma che le differenze nelle misurazioni non hanno comunque danneggiato i consumatori. E che significa? Essendo difficile che abbiano danneggiato i russi, gli algerini od i libici, che misurano per i fatti loro quel che ci vendono, ed essendo l’Eni un monopolista posseduto dallo Stato, delle due l’una: o non c’è alcun danno, o, se c’è, è a carico degli interessi nazionali, di tutti. Poi si tratta di stabilire se lo abbiamo pagato come consumatori di gas, o come cittadini, od in ambo le vesti. Lo stesso Eni sottolinea che le misurazioni avvengono secondo le indicazioni emanate dalla competente autorità. Leggo, però, che Alessandro Ortis, presidente dell’Autorità vigilante su l’energia elettrica ed il gas, afferma che collaborerà con la magistratura (ci mancherebbe) nella quale ripone fiducia. Grazie, gran bella cosa.

Ma allora che ci sta a fare l’Autorità da lui presieduta? Si scopre, difatti, che gli apparecchi per la misurazione non sono omologati, taluni anche senza sigilli e che la disomogeneità dei risultati prende a scusa la diversa consistenza del gas a seconda della provenienza. Ricordate la domanda trappola che ti facevano a scuola: pesa più un chilo di piombo o di piume? Ed i fessi rispondevano scegliendo la prima opzione. Non ci provino con il gas. Se e quando ci sarà un processo (fra anni) sapremo se si sono commessi reati. Ma già ora sappiamo che l’Autorità di garanzia ha una concezione gassosa delle proprie competenze. Sento già l’obiezione, sempre la stessa: non abbiamo poteri adeguati. E allora dimettetevi, protestate, andate via, dite che così non si può lavorare. Invece se ne stanno tutti lì, da quelli della privacy a quelli degli scioperi, scarrozzati da un convegno all’altro a dir cose che solitamente criticano l’andazzo che dovrebbero vigilare. Il tutto in attesa che sorga un problema vero, innanzi al quale invocare la più devastante delle attenuanti: e io che c’entro? io sono inutile.

Pubblicato su Libero di mercoledì 30

Social feed




documenti

Test

chi siamo

Società Aperta è un movimento d’opinione, nato dall’iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da esperienze professionali e politiche differenti, animati dalla comune preoccupazione per il progressivo declino dell’Italia, già dal lontano 2003, quando il declino dell’economia, almeno a noi, già era evidente come realtà acquisita. L’intento iniziale era evitare che il declino diventasse strutturale, trasformandosi in decadenza. Oltre a diverse soluzioni economiche, Società Aperta, fin dalla sua costituzione, è stata convinta che l’unico modo per fermare il declino sarebbe stato cominciare a ragionare, senza pregiudizi e logiche di appartenenza, sulle cause profonde della crisi economica italiana e sulle possibili vie d’uscita. Non soluzioni di destra o di sinistra, ma semplici soluzioni. Invece, il nostro Paese è rimasto politicamente paralizzato su un bipolarismo armato e pregiudizievole, che ha contribuito alla paralisi totale del sistema. Fin dal 2003 aspiravamo il superamento della fallimentare Seconda Repubblica, per approdare alla Terza, le cui regole vanno scritte aggiornando i contenuti della Carta Costituzionale e riformulando un patto sociale che reimmagini, modernizzandola, la costituzione materiale del Paese. Questo quotidiano online nasce come spin-off di Società Aperta, con lo scopo di raccogliere riflessioni, analisi e commenti propedeutici al salto di qualità necessario